Protesta all’Ospedale di Cosenza. I rappresentanti dei medici chiedono il sostegno dei cittadini.

Nuove risorse, più medici, più infermieri, l’ospedale di Cosenza è una struttura troppo importante per essere abbandonata. I rappresentanti dei medici si sono ritrovati ieri davanti all’Annunziata per un presidio permanente: vogliono salvare l’ospedale e chiedono il sostegno dei cittadini. Le scelte aziendali costringono a tagli che non permettono la regolare attività di medici e infermieri, i turni di lavoro si raddoppiano e le prestazioni ambulatoriali diminuiscono con il conseguente aumento delle liste di attese per controlli, ecografie e visite specialistiche. Solo per fare alcuni esempi ci sono 137 giorni di attesa per un elettrocardiogramma, 117 per una visita cardiologica e circa 127 per una visita di controllo cardiologia, per una ecocardiografia ci vogliono 168 giorni. L’elenco è lungo e si passa dai 151 giorni per una visita reumatica ai 181 per un ecodoppler cardiaca, ai 142 per una visita endocrinologica. Ma oltre all’ospedale c’è un intero sistema che funziona poco e che ingolfa il già difficile lavoro dei medici ospedalieri. Sono tantissimi i codici bianchi che arrivano all’Annunziata, visite che potrebbero essere effettuate dal medico di famiglia o nelle unità mediche di base. Al Pronto soccorso mancano 20 medici su una pianta organizza di 54. E così per non lasciare scoperto il centro nevralgico, il crocevia dell’ospedale, l’azienda sanitaria ha deciso di utilizzare la mobilità di urgenza. E i reparti che vengono privati di ulteriori medici che fanno? I turni si dilatano, il notturno che va dalle 20 alle 8 diventa un turno fino a mezzogiorno, stessa cosa per quello del giorno. I medici chiedono un intervento di Giuseppe Scopelliti, nella sua qualità di commissario al piano di rientro.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta