PIANO RIENTRO, OGGI SUPERARE L’EMERGENZA

PIANO RIENTRO, OGGI SUPERARE L’EMERGENZA VIGILEREMO SU ATTUAZIONE, MA OGGI SERVE FIDUCIA INFORMARE I CITTADINI, CAPUTO INVITA SCOPELLITI Rossano, Mercoledì 17 Novembre 2010 – Il Presidente SCOPELLITI ha avuto il coraggio e la determinazione, mancati a LOIERO & C., di mettere in atto un piano di rientro che, come ormai è stato detto e riconosciuto anche nell’ambito dello stesso centro sinistra, viene da lontano. La fase del dialogo e della concertazione c’è stata molto prima, ma è stata vanificata, spesso nel silenzio dei sindaci, come nella vicenda della cancellazione delle Asl ed il loro accentramento in 5 mega Asp provinciali. Oggi, con la spada di Damocle sul collo dei ritardi accumulati da anni e delle premialità bloccate da recuperare, questo Piano non si tocca. In tempi ragionevoli, saremo noi i primi a vigilare sulla sua applicazione. Ora serve però fiducia e ottimismo. Perché il nostro obiettivo è quello di superare l’emergenza e conquistare una sanità complessivamente di qualità per questa regione. Per far ciò, serve il contributo della classe medica e dei cittadini, che devono essere informati correttamente, senza luoghi comuni o notizie inventate. Per questo, nei prossimi giorni, inviterò a Rossano il Presidente SCOPELLITI, per chiarire ancora meglio scelte, metodi, tempi ed obiettivi del piano di rientro. Sono, in sintesi, alcuni passaggi dell’intervento del Consigliere Regionale CAPUTO, tra gli ospiti della tavola rotonda, tenutasi ieri (Martedì 16) a Mirto CROSIA, dal titolo “Vogliamo capire perché l’ospedale di Cariati deve chiudere”, organizzata dal Circolo culturale cittadino. All’incontro pubblico, coordinato dal presidente dell’Associazione, Franco RIZZO, sono intervenuti, tra gli altri, i sindaci di Crosia Gerardo AIELLO, di Cariati Filippo SERO, di Mandatoriccio Angelo DONNICI ed il Dott. Nicola COSENTINO, cardiologo presso l’Ospedale “Cosentino” di Cariati. DICHIARAZIONE ON. CAPUTO – PRESIDENTE 1° COMMISSIONE AFFARI ISTITUZIONALI <

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta