L’ARCIVESCOVO DELLA COSTA D’AVORIO OSPITE A CARIATI

“A Cariati ho trovato amicizia e tanto calore umano”. Ha commentato così la sua visita alla comunità parrocchiale di Cristo Re, nella cittadina jonica, mons. Marie-Daniel Dadiet, arcivescovo metropolita di Korhogo, in Costa d’Avorio. Nell’incontro con le comunità neocatecumenali presenti in ambito parrocchiale, il presule si è detto convinto “di aver fatto una buona scelta” nell’aver stabilito un contatto con una realtà ecclesiale presente anche nella sua chiesa africana: in Costa d’Avorio esiste il “Cammino”, fondato da famiglie in missione, che, a loro volta, si mettono al servizio della nuova evangelizzazione e sostengono le famiglie del luogo. Di un “significativo interscambio tra Chiese sorelle”, ha parlato, invece, l’arciprete della cattedrale S. Michele Arcangelo, don Angelo Pisani, che lo ha ospitato nella sua parrocchia per alcuni giorni. Mons. Dadiet, pastore di una vasta diocesi che conta 48.000 cristiani battezzati su 803.000 abitanti, è giunto in Italia per incontrare don André Klo Outtara, un giovane sacerdote, pure originario della Costa d’Avorio, che, da pochi mesi, svolge il suo ministero in Cattedrale, dove è anche vicario parrocchiale. Nel corso della sua permanenza, il Vescovo africano ha avuto anche un affettuoso colloquio con l’arcivescovo di Rossano-Cariati, mons. Santo Marcianò, il quale, nel contesto della solenne cerimonia di apertura della Visita Pastorale nella sua Diocesi, avvenuta il 21 febbraio scorso, nella Cattedrale di Rossano aveva amministrato a don Andrè il sacramento dell’Ordine. “Non ho potuto essere presente all’ordinazione sacerdotale di questo figlio – ha dichiarato mons. Marie-Daniel Dadiet – ma sentivo il dovere di ringraziare l’Arcivescovo per quanto ha fatto e di conoscere la comunità di Cariati, che ha accolto questo giovane e lo sostenuto nel suo cammino verso il presbiterato”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta