DURO RICHIAMO DELLA CORTE DEI CONTI : ORMAI LO STATO DI DISSESTO E’ CONCLAMATO.

DURO RICHIAMO DELLA CORTE DEI CONTI : ORMAI LO STATO DI DISSESTO E’ CONCLAMATO. L’ultima delibera di richiamo da parte della Corte dei Conti a questa Amministrazione Comunale, non fa altro che dimostrare la scadente ed inefficiente azione amministrativa e finanziaria attuata da questa maggioranza, caratterizzata da un conclamato e palese stato di insolvenza e totale default che è ormai nei fatti. Le ultime nervose, ridicole e mistificatorie dichiarazioni, in Consiglio Comunale e sulla stampa, di alcuni autorevolissimi componenti della Amministrazione Comunale, che con le loro “bugiarde” esternazioni hanno dimostrato ancora una volta di non capire nulla di come si amministra un ente pubblico, di bilancio e finanza comunale, ne sono ulteriore conferma. Questi membri della maggioranza consiliare, dimostrano giorno dopo giorno, di non tenere al bene dei cittadini cariatesi, allo sviluppo futuro del nostro paese e di non essere più in grado di garantire i servizi essenziali che un Comune “normale” dovrebbe offrire ai propri abitanti, oltre che il pagamento dei creditori del Comune (ditte, professionisti e fornitori) e di tutti i crediti liquidi ed esigibili del nostro Ente locale. Le gravissime irregolarità evidenziate, inoltre, dalla Magistratura Contabile con la citata delibera n.526/2011, alle quali sarebbe stato consigliabile porre rimedio entro il 30/11/2011 in fase di Assestamento di Bilancio, potrebbero addirittura costituire illecito disciplinare e danno erariale. La dura reprimenda della Corte dei Conti, oltre a riguardare il non rispetto degli equilibri e dei vincoli di bilancio, la rinegoziazione dei mutui in ammortamento, la non attuazione del piano di alienazione e valorizzazione immobiliare, esamina soprattutto la gravissima e deficitaria situazione del recupero dell’evasione tributaria ed il non rispetto delle disposizioni in materia di personale, nello specifico nelle assunzioni effettuate nel recente passato che non rispettano il disposto dell’Art. 14, comma 9 del D.L. n. 78 del 21/05/2010. Invito, pertanto, il Sindaco e la Maggioranza Consiliare a fare quantomeno ammenda di tale deliberato della Corte dei Conti ed a riflettere sullo stato ormai dissestato del nostro Comune certificato, peraltro, anche dal Revisore dei Conti del Comune, ed ad attuare, se ne è in grado, nell’immediato le proposte avanzate dallo stesso Revisore. Cariati 05/12/2011 IL CAPOGRUPPO CONSILIARE UDC FRANCESCO COSENTINO

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta