CARCERE, SINDACO SOLIDALE CON AGENTI. AGGRESSIONE DEPRECABILE E INTOLLERABILE . SOSTEGNO ANTONIOTTI A TUTTE LE FORZE DELL’ORDINE

CARCERE, SINDACO SOLIDALE CON AGENTI AGGRESSIONE DEPRECABILE E INTOLLERABILE SOSTEGNO ANTONIOTTI A TUTTE LE FORZE DELL’ORDINE ROSSANO – Giovedì, 14 Luglio 2011 – Aggressione nella struttura carceraria. Il sindaco Giuseppe ANTONIOTTI solidarizza con i cinque agenti rimasti feriti e con il Corpo della Polizia penitenziaria. Convinto e unanime sostegno dell’Amministrazione comunale a tutte le forze dell’ordine operanti in Città per l’importante lavoro, sinergico, avviato a tutela della sicurezza dei cittadini. Esprimo la mia personale solidarietà – afferma il sindaco Giuseppe ANTONIOTTI – e quella della Giunta, alle guardie carcerarie ed a tutto il personale di polizia penitenziaria. Atti del genere, deprecabili ed intollerabili, sono da condannare e denunciare a gran voce, specie se a farne le spese sono persone e cittadini che quotidianamente si trovano a dover operare in realtà sociali disagiate e particolari, come le carceri. Conosciamo – aggiunge – lo stato di difficoltà in cui, nella contingenza storica di forte crisi economica attraversata dal nostro Paese, sono costretti a lavorare gli operatori di pubblica sicurezza. Per questo – continua ANTONIOTTI – pensiamo che la cooperazione e la collaborazione tra istituzioni e le forze di polizia sia un punto fermo sul quale fare leva per affrontare le difficoltà. L’occasione mi è utile, inoltre, per ringraziare tutti i tutori della pubblica sicurezza, dai Carabinieri, alla Polizia di Stato, alla Guardia di Finanza, per finire alla Polizia Municipale, per l’eccellente e preziosa opera quotidiana di controllo, prevenzione e repressione che hanno avviato, anche in sinergia con l’Amministrazione comunale, così come non succedeva da diverso tempo, sull’intero territorio cittadino. Noi – conclude il Primo Cittadino – continueremo ad essere promotori di una cooperazione, sempre più solida, tra chi si batte e si spende per il rispetto della giustizia, della sicurezza dei cittadini e dei nostri visitatori.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta