Avvenuto ieri l’incontro, tra il Vescovo della diocesi di Rossano – Cariati S. E. Mons. Santo Marcianò e Fabio Pugliese, l’autore del libro “Chi è Stato?”

Nell’incontro, avvenuto a Rossano in vescovado, il giovane autore del libro sulla famigerata “strada della morte” ha avuto un lungo colloquio con S. E. e poi l’opportunità – attraverso una lettera che si allega – di avanzare alcune proposte all’alto prelato: l’invio di una lettera pastorale al Presidente della Giunta Regionale, al Presidente del Consiglio Regionale ed i rappresentanti di tutte le forze politiche presenti in Consiglio con l’invito ad un impegno formale nella ricerca di quelle soluzioni concrete e necessarie affinché l’ammodernamento della S.S. 106 sia finalmente affrontato con decisione e risolto; istituire nella diocesi di Rossano-Cariati una giornata per il ricordo di tutte le vittime della “strada della morte” ed organizzare una fiaccolata aperta ovviamente a tutti per ricordare con la preghiera le tante, tantissime vittime, della S.S.106; si potrebbero spronare i sindaci della nostra diocesi ad unirsi all’interno di un Tavolo Permanente istituito con la finalità specifica di ottenere le risorse necessarie all’ammodernamento della strada Statale 106 Ionica calabrese; promuovere un corso, per tutte le scuole della diocesi di ogni ordine e grado, organizzato da strutture specializzate e competenti, che abbia le finalità di far capire ai ragazzi cosa occorre fare e come occorre comportarsi sulla strada, educare i ragazzi ad una maggiore coscienza civile rispetto alla necessità di ammodernare questa strada e sull’impegno che ognuno di noi può assumere individualmente affinché questo obiettivo possa essere raggiunto e poi spiegare le regioni per le quali la vita è un patrimonio prezioso che ognuno di noi deve difendere ad ogni costo e con qualsiasi mezzo. «Sono molto orgoglioso, da cattolico, di aver avuto l’opportunità – dichiara Fabio Pugliese – di incontrare e conoscere S.E. Mons. Santo Marcianò, e poi sono molto contento di aver letto nelle sue parole una reale e viva preoccupazione rispetto alla morte economica ed alle tante vittime causate dalla strada Statale 106 Ionica calabrese. Nell’incontro è emersa la buona volontà di spendersi per riaccendere anche una piccola speranza e sono convinto che qualcosa accadrà. Ho avvertito nelle sue parole la necessità di non rassegnarsi, di ritornare a credere che è possibile cambiare e migliorare il nostro destino con l’aiuto anche di Dio. Sono fiducioso ed ottimista sul futuro dopo questo incontro e sono altrettanto certo che il mio fratello Vescovo non tarderà – appena sarà possibile – a rendere concrete idee e progetti che possono scuotere le coscienze e rinnovare nella gente la passione per la vita, per i valori che contano e per ciò che rappresenta il bene per tutti».

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta