ARRESTATE TRE PERSONE PER TENTATO FURTO DI UN FURGONE DI PROPRIETA’ DI UNA AZIENZA FARMACEUTICA.

In data 5 marzo u.s. personale della Polizia di Stato ha tratto in arresto tre persone di sesso maschile, Manzo Giuliano, cl. ’62, Manzo Giovanni, cl. ’76 e Bevilacqua Francesco, cl. ’91, tutte residenti in Cosenza, per il reato di tentato furto aggravato in concorso in danno di un veicolo di proprietà di un’azienda farmaceutica con sede in Cosenza. Verso le ore 15,30 della decorsa giornata del 05 marzo, personale della Polizia di Stato si portava in questa Via Giulia, ove il dipendente di una azienda farmaceutica aveva segnalato sulla linea di soccorso “113” il tentativo di furto del furgone che lo stesso utilizzava per alcune consegne. Lo stesso riferiva agli operatori della Volante che poco prima, ignoti malfattori avevano tentato di appropriarsi del mezzo nella sua disponibilità, per poi darsi a precipitosa fuga a bordo di altro furgone Fiat di colore rosso. Tale mezzo veniva di lì a poco intercettato da una delle Volanti intervenute sul posto, nei pressi di un incrocio vicino la Casa Circondariale, transitando a forte velocità in direzione Rende. Il successivo inseguimento consentiva agli operatori di Polizia di raggiungere e di fermare i tre malfattori. Gli stessi venivano pertanto identificati e condotti negli Uffici della Questura per le formalità di rito. Dai controlli effettuati, i tre risultano essere tutti pregiudicati e gravati da specifici precedenti in materia di furto ed altro. Espletate le formalità di rito, per i tre veniva disposto il giudizio direttissimo innanzi al giudice per oggi 6 marzo, il quale disponeva l’obbligo di presentazione alla P.G. per il Manzo Giuliano; mentre per gli altri due, il Manzo Giovanni ed il Bevilacqua Francesco, avendo richiesto di patteggiare la pena, veniva loro irrogata la pena iniziale della reclusione per mesi 4 ed il pagamento di una multa pari ad euro 516,00, successivamente ridotta per effetto del patteggiamento a mesi 2 di reclusione e ad euro 344,00 di multa, con contestuale sospensione condizionale della pena.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta