🔵 A CARIATI STUDENTI ALLA SCOPERTA DEL TERRITORIO

Nell’ambito di tre progetti Pon del locale Istituto Comprensivo.

CARIATI – Per gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Cariati, la giornata di ieri, sabato 21 maggio, è stata molto intensa, ricca di esperienze che li hanno portati alla scoperta del territorio e ad acquisire una maggiore consapevolezza delle sue peculiarità storiche, architettoniche e paesaggistiche. A farglielo conoscere per amarlo ancora di più, i docenti coordinatori che nell’Istituto diretto da Tiziana Cerbino stanno portando avanti da tempo i progetti Pon, tre in tutto, e che per le uscite didattiche di oggi si sono avvalsi della collaborazione di esperti esterni e dei componenti dell’associazione Jonio Wild, presieduta da Cataldo Curia. Il primo gruppo di studenti della secondaria di primo grado è arrivato in mattinata a località Tramonti, una frazione a Sud della cittadina ionica, dove si possono ammirare i resti di un passato illustre.

Il Pon di riferimento, dal titolo “Alla scoperta della città – La magia di una foto”, è stato realizzato dalle docenti Aquila Adele Passavanti e Lauretta Ciccopiedi, che hanno guidato i ragazzi ad osservare le bellezze architettoniche della frazione Tramonti, come le residenze storiche delle famiglie Branca e Cristaldi ancora in ottimo stato di conservazione, risalenti al XIX secolo, vestigia di antichi fasti ed esempio di una organizzazione agricola perfetta del territorio circostante l’insediamento urbano di Cariati. Quindi la visita ai palazzi gentilizi con annessa cappella privata, alle torri di guardia risalenti al periodo aragonese e a ciò che resta delle antiche masserie: il frantoio, il forno per panificazione, il mulino, il palmento per il vino, le case contadine. La professoressa Passavanti, in qualità di esperta, ha fatto notare ai ragazzi importanti particolari architettonici, tra cui il sontuoso portale del Casato dei Branca (ex tenuta Colavolpe, già Nicola Venneri), con lo stemma nobiliare di gran pregio; la facciata della cappella privata; gli infissi e le cornici con sottomensole e trompe l’oeil (finestre murali dipinte), rare in tutto il comprensorio. A catturare l’attenzione degli studenti, i manufatti dell’Antica Masseria che richiamano la Magna Grecia. I ragazzi sono stati guidati anche a riconoscere l’emblema delle antiche monete coniate nelle colonie greche: a Sibari lo statere è con il Toro retrospiciente; a Crotone, sulla moneta c’è il Tripode; a Terina, l’antica Lamezia, il dracma con la Nike alata (dea della Vittoria).

Nella stessa mattinata, un altro gruppo della scuola secondaria di primo grado, coordinato dalla docente Rossella Scigliano e dalla tutor Lauretta Ciccopiedi, nell’ambito delle attività legate al Pon “Insieme è meglio – i maghi dei numeri”, hanno incontrato il presidente della sezione locale di Lega Navale Italiana, Francesco Cufari, nell’area polifunzionale del Porto. È seguita la lezione tecnico – pratica, molto coinvolgente, di Mimmo Nigro Imperiale, esperto del settore e responsabile degli eventi sportivi di LNI Cariati, nonché referente regionale per la Federazione Motonautica, il quale ha parlato dell’importanza della Rosa dei Venti, delle coordinate geografiche, del concetto di “navigazione stimata” e “andature veliche”. Attraverso una partecipazione attiva, i ragazzi hanno imparato a tracciare le rotte, a riconoscere i venti, ma soprattutto hanno appreso l’importanza del rispetto per il mare e del navigare in sicurezza. Il terzo gruppo di studenti, quelli del progetto Pon “Insieme è meglio – L’essenziale è invisibile agli occhi”, è arrivato nell’area portuale nel primo pomeriggio. Accompagnati dal docente esperto Josef Platarota e da Maria Pirillo (tutor), hanno fatto visita alle mostre “Famiglie e barche della comunità marinara di Cariati” e “Storie e immagini della Calabria altrove, tre generazioni di emigrati nel cuore dell’Europa”. Un vero e proprio viaggio nella memoria attraverso documentari visivi, in cui i ragazzi sono stati guidati dall’autrice, la scrittrice e antropologa Assunta Scorpiniti, che è riuscita a coinvolgerli facendo capire loro il rapporto esistente tra lavoro, emigrazione, accoglienza e integrazione.

Infine il presidente di Jonio Wild, Cataldo Curia, ha illustrato le attività dell’associazione nata tre anni fa allo scopo di far scoprire, conoscere e tutelare, attraverso le escursioni, i luoghi caratteristici del territorio ionico silano, mostrando infine l’attrezzatura necessaria per fare trekking. «Jonio Wild – ha detto infine Curia rivolgendosi agli studenti – come i progetti Pon della vostra scuola, mira a far accrescere il senso di appartenenza, ma stimola anche chi di dovere a migliorare l’accessibilità e la fruibilità dei siti archeologici, delle aree naturalistiche, dei borghi per far sì che da noi i turisti arrivino tutto l’anno».

ASSOCIAZIONE “JONIO WILD” CARIATI

Per Info sulle nostre attività: www.joniowild.com 392 563 0352 Cataldo 338 990 3062 Mimmo 🌐 Iscriviti alla nostra Community https://www.facebook.com/groups/joniowild/?ref=share8 #portatorisanidicalabresità #calabriastyle #preparazionemarirana #educazionesilana #magnagrecia #calabria #apical #calabriadaamare #travelexperience #adventuretime #adrenalinelife #energydrink #mountainlife #canyoningitaly #canyoning #mtblove #mtbitalia #mtblifestyle #raftingtime #rafting #cariatihills87062

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta