Zona Santa Maria – comunicazione del consigliere Imperiale

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Egregio Direttore di Cariatinet Notizie ,

non è mia abitudine comunicare quanto svolto di mia competenza nel Comune di Cariati (consigliere con delega conferitami dal sindaco, a titolo totalmente gratuito, ai Finanziamenti Regionali, Nazionali ed Europei) in quanto per carattere amo lavorare in silenzio senza fare alcuna pubblicità ma In questo caso essendomi interessato in prima persona sento doveroso esporre quanto segue al fine di informare e tranquillizzare tutti i lettori ed i residenti della zona di Santa Maria che, non essendo a conoscenza dei dettagli degli interventi attuati e programmati, manifestano giuste lamentele e preoccupazioni .

Il problema della zona di Santa Maria è noto a tutti ed è da più di 25 anni anni che si verificano allagamenti nell’indifferenza totale di tanti che avrebbero già potuto e dovuto fare. E’ dall’inizio di quest’estate che il sottoscritto insieme all’ex Assessore ai lavori pubblici l’avv. Francesco Cicciù ed al responsabile dell’ufficio tecnico risaliamo a piedi Torrenti e corsi d’acqua al fine di verificarne lo stato e per avviare azioni preventive che scongiurino possibili allagamenti in tutte le zone. Nel caso specifico di Santa Maria è stato riscontrato come primo e più serio problema , tutto il primo tratto del letto del torrente Santa Caterina completamente ostruito da detriti e fitta vegetazione con argini completamente inesistenti. Questa è stata la causa principale che ha provocato l’esondazione del Santa Caterina con conseguente allagamento della zona di Santa Maria anche in condizioni di piogge normali. Con determinazione N. 261 del 16/09/2019 questo problema è stato RISOLTO ( si vedano le foto allegate relative al torrente prima e dopo l’intervento, link: https://drive.google.com/open?id=11OmaH6msA3KrvX_rm7TltA4T7nmIvmgg ).

Successivamente ho analizzato personalmente il secondo problema , ossia le criticità dei canali di raccolta delle acque piovane di Santa Maria per i quali ho prodotto, in data 09/09/19 e successivamente inviata al protocollo all’attenzione del F.F. Francesco Cicciu’ e della giunta, una relazione sullo stato attuale degli stessi con possibili soluzioni e modi per reperire i fondi necessari ad effettuare i lavori. L’esecutivo ha valutato e risposto prontamente con atti di indirizzo all’ufficio tecnico e delibere di giunta. (comunicazione protocollata, link: https://drive.google.com/open?id=1OOMtN9MfAqNqLOOqewsmFSXtdcWIjyBu ). I nuovi lotti ora appaltati prevedono:

1. la canalizzazione del canale naturale che riversa l’acqua sulla strada in via tramonti nell’attuale griglia sempre ostruita da detriti . Questo metterà in sicurezza la viabilità della strada e raccoglierà l’acqua prima della stessa per mezzo di un canale aperto.

2. il raddoppio della portata del canale sottostrada della via Santa Maria che attualmente essendo sottodimensionato crea un evidente ostruzione al corso dell’acqua. Lavori che mirano a rimuovere i punti critici che creano ostruzioni al passaggio delle acque piovane nei canali di raccolta. La zona cosi’ sarà messa in totale sicurezza. L’ultimo lotto da deliberare per concludere l’opera, appena intercetteremo altri fondi e dopo aver risolto altre urgenze in altri posti del paese, prevede un nuovo canale finale che dal pontino stradale andrà diritto al mare.

Pochi mesi rispetto a piu’ di 25 anni di assoluto menefreghismo generale del caso specifico, sono davvero TEMPI RECORD. Ne approfitto inoltre, visto l’argomento in questione, per comunicare che nel mese di agosto 2019, sempre il sottoscritto, vista l’imminente scadenza del bando, ha proposto e monitorato direttamente, la richiesta di finanziamento ministeriale di circa 2.000.000,00 di euro per la manutenzione straordinaria dei Torrenti SALT, SAN CATALDO, MORANERA E SALICE. Gli interventi prevedono la pulizia straordinaria del letto con smaltimento dei materiali ,ripristino in muratura di argini pericolanti ,rifacimento rete idrica e fognaria , manto stradale, marciapiedi e ponti delle quattro zone a rischio idrogeologico (DELIBERA DI GIUNTA N.85 DEL 13.09.19).

Per quanto riguarda gli incivili e gli irresponsabili che, a prescindere dai lavori in corso, si preoccupano di creare disagi e fastidi ostruendo volutamente griglie e canali, purtroppo non ci sono soluzioni.

Gianpasquale Imperiale.

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta