V. COSENTINO IN RETE PRIMA DELLE REGIONALI. BASTA PROMESSE SU DIRITTO SALUTE

CICCOPIEDI: DUBBI SU INIZIATIVE AD OROLOGERIA

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

COMUNICATO STAMPA N.163 – FONTE: COMUNE DI CARIATI (Cs)


CARIATI (Cs), mercoledì 16 ottobre 2019 – Se vi sono reali e verificabili possibilità di poter reinserire l’ex Ospedale Vittorio Cosentino nella rete ospedaliera, che ci si impegni ad ottenere a breve questo risultato, atteso dalla popolazione cittadina e di tutto il territorio; in ogni caso, se ne abbia riscontro prima dell’imminente appuntamento elettorale per il rinnovo del Consiglio Regionale.

È, questo, l’appello di cui si fa portavoce il consigliere comunale delegato alle politiche sanitarie Maria Elena Ciccopiedi, ribadendo ai rappresentanti politici ed aspiranti candidati un monito che è ormai diffuso ed avvertito in tutta la comunità: basta promesse elettorali, basta alimentare false speranze sul diritto alla salute e basta illusioni per questo territorio, di cui purtroppo ci si ricorda sempre e solo quando si vota!!

Non si può che esprimere soddisfazione – aggiunge – per l’attenzione e per le nuove iniziative assunte e rese noti sulla questione, da ultimo le interrogazioni parlamentari promosse sia dalle forze politiche di maggioranza che di opposizione al Governo nazionale, portate all’attenzione del nuovo Ministro alla Salute e del Commissario ad acta.

Siamo, infatti, convintamente compiaciuti del fatto che finalmente ed indipendentemente dalla collocazione politica, ci si stia muovendo – continua – su più direzioni e con strumenti diversi per far affermare il sacrosanto diritto alla salute per i cittadini di Cariati e dell’hinterland crotonese e cosentino.

Sorgono, tuttavia, e non soltanto nella sottoscritta – conclude la Ciccopiedi – dubbi legittimi e perplessità, per non dire altro, rispetto al reale interesse sotteso a queste ed altre iniziative che paiono ahinoi! ad orologeria, perché emergono guarda caso sempre in prossimità delle elezioni.

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta