Sono tornati . . .

Pazienza! Tutto diventa sempre più difficile

giovani

Anche stamattina, in fase 2, ho fatto la mia abituale passeggiata mattutina lungo le strade principali del Vomero.

Rispetto al periodo del lockdown mi sono accorto immediatamente che qualcosa in giro era cambiato. 

Non solo dalle tante persone che camminavano per strada  e dei negozianti intenti a preparare i loro negozi, ma purtroppo da tutt’altro. 

Naturalmente non in meglio. Bensì in peggio. 

Ovunque ponessi l’attenzione non ho potuto che costatare la quantità enorme di rifiuti lasciati, immancabilmente, per terra o sulle auto. 

Resti di consumazioni e bevande che non sono stati riposti negli appositi contenitori, che di norma gli esercenti da asporto pongono all’esterno dei loro locali. 

Ma non è solo questo che mi ha dato la sensazione che nulla è cambiato rispetto al passato. 

Infatti, ho dovuto prendere, ahimè, consapevolezza, dei diversi resti di vomito sparsi quasi ad gli angolo di strada.

Null’altro che il risultato di ubriacature delle quali i giovani, loro malgrado, non hanno perso il vizio. 

Sia chiaro: è la pura realtà. Il lockdown forse avrà pure sospeso momentaneamente le brutte abitudini, ma non ha insegnato nulla su come amare e rispettate la propria vita. 

Pazienza! Tutto diventa sempre più difficile. E poi passare di speranza in speranza, che qualcosa cambi, si può pure pensare che la società continua ad andare da un’altra parte.

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta