PIETRAPAOLA: La contro risposta della Pro loco

In data giovedì 2 marzo 2017 sul Quotidiano è uscita la risposta del sindaco di Pietrapaola alle accuse rivolte alla sua amministrazione di “boicottaggio” nei confronti della Pro Loco.

<<Non è vero che la Pro Loco non ha fatto niente in questi anni>>. Arriva pronta la contro risposta del presidente della Pro Loco di Pietrapaola Cosimo Scorzafave dopo l’uscita per mezzo stampa del primo cittadino di Pietrapaola Luciano Pugliese.

Su un articolo del Quotidiano uscito giovedì 2 marzo 2017 in riferimento alla notizia riportata su cariatinet.it dal sottiscritto che precisa non essere né socio né iscritto all’Associazione Pro loco di Pietrapaola, si legge, infatti, che il sindaco Pugliese è “un fiume in piena” e che- continua- “in cinque anni la Pro Loco non ha mai organizzato un Carnevale né alcun’altra festa significativa”.

A “rinfrescare la memoria dell’amministrazione”, però, ci pensa l’Associazione Pro Loco, la quale, ricorda per voce del presidente Scorzafave, che proprio lo scorso anno, la prima edizione del “U Nannarellu”, la festa carnevalesca di tradizione pietrapaolese, si è tenuta in piazza Rio a Pietrapaola Centro con il patrocinio senza oneri per il Comune.

Negli altri anni, invece, l’Associazione Pro loco ha realizzato altre iniziative culturali e turistiche anche con la collaborazione della Parrocchia cittadina, rilasciando anche delle targhe di ricordo.

“Altre iniziative, poi, si sono fatte e ad alcune, anche se pochissime come ad esempio il convegno per la giornata nazionale contro la violenza sulle donne, ha partecipato anche il primo cittadino” continua il presidente.

Nessun riferimento politico, quindi e nessuna “polemica bugiarda” in vista delle prossime elezioni amministrative che si terranno tra tre mesi, anche “perché l’associazione cittadina della Pro loco è sia no profit che apolitica e questo, a quanto pare, occorre ribadirlo”.

La Pro Loco, inoltre, fa sapere che sul suo sito www.prolocopietrapaola.it  sono pubbliche tutte le iniziative e gli atti intraprese nel corso degli anni dalla Pro loco per la promozione turistica di Pietrapaola, non solo nel circondario ma in tutta la penisola.

Sul punto caldo del “boicottaggio” dell’amministrazione, l’Associazione ci tiene a essere precisa e veritiera, perché la promozione turistica di Pietrapaola, non deve passare in secondo piano.

Come si può organizzare un evento pubblico in piazza dove partecipano diverse persone, senza aver la certezza che la piazza sia realmente concessa?

Anche a questo quesito, posto dalla Pro loco, è arrivata la pronta risposta del sindaco Pugliese dicendo che “vale la regola del silenzio assenso”.

“Queste polemiche inutili e la presunta regola del silenzio assenso, che vale solo perché fa comodo non rispondere” non fanno bene alla piccola comunità di Pietrapaola che di turismo, DOVREBBE, anche campare” ha concluso Scorzafave.

di Luca Giuseppe Murrone

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta