PIETRAPAOLA: Giuseppe Parrotta e Margherita Romeo tolgono la spina a Nigro.

si sono dimessi dal loro ruolo, unitamente aI tre consiglieri di minoranza

COMUNICATO STAMPA
A CURA DEL GRUPPO CONSILIARE “PIETRAPAOLA LIBERA”


Pietrapaola 9 luglio 2020 – In data odierna i sottoscritti consiglieri comunali del gruppo consiliare “Pietrapaola libera” si sono dimessi irrevocabilmente dal loro ruolo, unitamente agli altri tre consiglieri di minoranza del gruppo “L’altra Pietrapaola”.
è una vicenda che si trascina dai primordi di questa consiliatura (2017), quando appena pochi mesi dopo dall’insediamento l’attuale capogruppo Giuseppe Parrotta, allora vice-sindaco veniva estromesso dall’incarico senza valide motivazioni.
Si potrebbe dire che da quel giorno è incominciata l’agonia dell’attuale maggioranza che ha visto uscire dalla stessa altri due consiglieri di maggioranza, uno dei quali, Romeo Margherita, è parte del gruppo “Pietrapaola libera”.
All’uscita dell’ultimo consigliere si sarebbe dovuto procedere alla surroga con la nomina del primo dei non eletti. dopo ben quattro consigli comunali convocati appositamente, con la maggioranza risicata che il sindaco si è ritrovata, non si è potuto dar corso al rimpiazzo e questo ha comportato una situazione di stallo che di fatto blocca l’attivita’ istituzionale e svilisce il ruolo del consiglio.
Le nostre posizioni sono state chiarite sin da subito, avendo chiaro il fatto che la maggioranza non ha piu’ i numeri per governare e soprattutto ha esaurito le sue poche possibilita’ di governare i processi decisionali, sopratutto a partire dal bilancio consuntivo 2019 e da quello preventivo 2020.
Venuta meno la motivazione del fare, appiattita come e’ stata negli ultimi mesi questa maggioranza, non restava che tirare le somme sul piano prevalentemente politico e chiudere questa esperienza che è iniziata male e finita peggio.
Abbiamo deciso e condiviso con i consiglieri di minoranza che sarebbe stato piu’ garbato e giusto tirare la spina e far  voto che il tirare a campare per non far nulla, dando un pessimo esempio di rispetto delle istituzioni.
e’ proprio nel senso delle istituzioni che ci contraddistingue che ci siamo appellati per ridare voce al piu’ presto possibile ai cittadini, ovviamente aspettando le decisioni che assumera’ la prefettura nelle prossime ore.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta