Piano Spiaggia: un nuovo d’inizio?!

?
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Varato finalmente il piano spiagge del Comune di Cariati. Ci sono voluti ben quattordici anni. Un tempo lunghissimo. Importante, però, aver raggiunto il prezioso traguardo.

E’ stato necessario un enorme lavoro di carattere tecnico-giuridico. In sostanza, adesso si tratta di “tracciare il solco” per la riqualificazione di molte aree del perimetro cittadino, in grado così di fornire un nuovo impulso alle attività turistico-ricreative del territorio. 

Uno sforzo notevole per la predisposizione del Piano, che ha coinvolto in primis il Sindaco Filomena Greco e la sua Giunta, e in particolare l’Assessore Paola Apa e precedentemente l’ex Assessore Maria Elena Ciccopiedi, nonché gli uffici comunali. 

Era dagli inizi degli anni duemila che la Regione aveva affidato ai Comuni l’obbligo di redigere il Piano e, finalmente è stato redatto uno strumento fondamentale per il recupero e la fruizione di zone spesso abbandonate e degradate. 

Ora bisognerà approvare il regolamento in tempi piuttosto brevi, dal momento che sicuramente è intento dell’Amministrazione comunale indire i bandi ad evidenza pubblica per l’assegnazione sulle spiagge pubbliche di strutture e servizi per i turisti.

Il piano spiagge è una grandissima opportunità per lo sviluppo turistico di Cariati. Consentirà di ospitare, specie durante la stagione estiva, migliaia di turisti e di garantire loro servizi efficienti. Ciò, naturalmente, gioverà all’economia locale e, soprattutto, garantirà nuova occupazione per i giovani.

Il documento urbanistico adesso dovrà essere dettagliatamente illustrato a tutti i cittadini in una assemblea pubblica, finalizzata a innescare un processo virtuoso che faccia intraprendere un nuovo inizio, volto a una promozione turistica e culturale di Cariati che faccia altrettanto intravedere con speranza il futuro. 

Dunque è compito dell’amministrazione Greco far cogliere con mano le opportunità imprenditoriali agli abituali e consolidati operatori e ai tanti che pensano di affacciarsi in un comparto, che se ben sostenuto potrebbe davvero far cambiare il volto a Cariati. 

Il mio mestiere di pungolatole, nessuno me ne voglia per il bene di Cariati, m’impone di accendere la luce su questa prospettiva, altrimenti non si andrà troppo lontano. 

Insomma, l’accesa competitività tra territori, lungo la nostra penisola, potrebbe decretare, ahimè, la fine del tempo massimo, oltre il quale qualsiasi sforzo che sarà compiuto non servirà a far cambiare scenario alla nostra tanto amata Cariati.

In altre parole adesso o mai più!

Se insomma non cavalcheremo l’onda positiva del Piano spiagge, utile a disegnare la Cariati del futuro, allora non potremo accusare nessuno. E’ tempo di un progetto unico che sia sostenuto fattivamente da tutto l’arco politico all’interno del Consiglio Comunale.

Cariati lo merita! Siamo convinti?

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta