Natale s’avvicinava

Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Natale s’avvicinava e tutti erano più buoni.

Tutti adottavano a distanza un bambino, felici di aiutarlo anche se sapevano che non l’avrebbero mai conosciuto.

Natale s’avvicinava, e nessuno andava a vedere al cinema la solita vagonata di volgarità degli inutilmente riuniti Boldi e De Sica.

Natale s’avvicinava, e dalle menti e dai cuori sparivano le parole “clandestino”, “negro”, “ROM” e “straniero”, sostituite da “essere umano” e “solidarietà”. I profughi del Mediterraneo venivano salvati, nutriti e aiutati senza pensare, per partito preso, che fossero tutti infettivi, delinquenti, terroristi e stupratori.

Natale s’avvicinava e sui social network, come per miracolo, si smetteva di lanciarsi insulti e si discuteva, cercando di capire gli uni le ragioni degli altri e di trovare un punto di convergenza. Stimolati dalla base, anche i politici, di maggioranza e di opposizione, si sforzavano di trovare un punto d’incontro e di pensare agli interessi del Paese prima che a quelli di bottega.

Natale s’avvicinava, e ci si ricordava quanto era bello aver abbattuto le frontiere, aver imparato a convivere anche se si parlano lingue diverse e si hanno usi e abitudini differenti, cercando di scoprire ciò che si ha in comune e di imparare e capire e valorizzare ciò che invece è specifico di ogni cultura, in Europa e nel resto del mondo.

Natale s’avvicinava, e tutti facevano un esame di coscienza, cercando di capire se quell’onestà che pretendevano dagli altri e predicavano ad alta voce erano capaci di praticarla in prima persona, misurando sé stessi e i propri amici sul metro della parola “coerenza”.

Natale s’avvicinava, e tutti si ricordavano che Gesù di Nazareth, Maria sua madre e Giuseppe suo padre erano palestinesi, ebrei e fuggiaschi. Che Gesù di Nazareth era un figlio illegittimo, comunque accolto con amore dal suo padre adottivo, che mai si sognò di maltrattare per questo la propria moglie.

Natale s’avvicinava, e i maschi (mariti, fidanzati, ex mariti, ex fidanzati, innamorati respinti) smettevano di considerare come “cose” proprie le donne e di pensare, ammazzandole, “o mia o di nessuno”.

Natale s’avvicinava, e si smetteva di considerare come povere sante martiri le ragazze assassinate solo se ad ammazzarle era stata gente di colore e di ignorare, trattando invece da drogate-puttanelle-se-la-sono-cercata quelle ammazzate da assassini di razza bianca.

Natale s’avvicinava, e l’italiano medio si rendeva conto tutto ad un tratto di essere scivolato in una spirale di cattiveria, di egoismo, di paura e di meschinità che lo spingeva a cercare vendetta e non giustizia, il rifiuto e non la comprensione, la caduta altrui invece della propria ascesa, l’isolamento invece del dialogo.

Natale s’avvicinava, e…  E poi mi sono svegliato.

E  ho visto che Natale è solo un giorno un po’ più ipocrita degli altri.

Giuseppe Riccardo Festa

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta