Mancato finanziamento Coni, l’Alternativa: “I cariatesi dovrebbero prendere le distanze da chi gioisce”

L’elenco dei finanziamenti ottenuti e richiesti dall’amministrazione Greco è lungo. Dalle amministrazioni passate solo situazione disastrosa e nessun vantaggio per Cariati

Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

I cariatesi dovrebbero prendere le distanze dalle ultime esternazioni fatte da chi ci ha consegnato un paese alla deriva dal punto di vista finanziario, infrastrutturale e dei rapporti politici. Chi gioisce alla notizia che il Comune di Cariati non è riuscito a ottenere un finanziamento del Coni, che mirava a offrire ai nostri cittadini una struttura sportiva degna delle nostre tradizioni, non merita di svolgere nessun ruolo politico all’interno delle istituzioni e/o nei partiti di appartenenza.

Anche perché è noto a tutti che in dieci anni i finanziamenti ottenuti dalla passata amministrazione non hanno avuto nessuna ricaduta per il nostro paese. Nessuno dei disservizi gravi che affliggono da oltre un ventennio il nostro comune sono stati risolti.

Tra l’altro, l’amministrazione in carica sta cercando in tutti i modi di “aggiustare” una delle tante scelleratezze “pensate” durante gli ultimi dieci anni di “disamministrazione Trento”. Anni che ci hanno consegnato una struttura calcistica “inagibile” a Cariati Marina, e una struttura sportiva al Ponte del Varco ancora incompleta, nonostante ci siano stati un ingente sperpero di denaro, l’attuale capogruppo di Cariati Unita fosse all’epoca assessore della Provincia di Cosenza e i numerosi pinocchieschi proclami pubblici di pronta apertura dello stesso. La conseguenza di quella politica è che Cariati è oggi sprovvista di un campo di calcio moderno e funzionale.

Inoltre, nelle tante richieste di finanziamento che gli uffici comunali hanno inoltrato agli enti sovracomunali, paghiamo lo scotto di non poter garantire una “compartecipazione con fondi comunali“ alla spesa complessiva dell’opera per cui si chiede il finanziamento. Questo a causa del dissesto finanziario del Comune di Cariati, causato dalla “disamministrazione Trento”.

Lo sforzo prodotto dagli uffici comunali negli ultimi due anni è stato notevole, e di questo occorre ringraziare per la loro professionalità e preparazione sia l’ingegnere Benevento, sia l’architetto Fanigliulo, che si sono spesi con spirito di abnegazione allo scopo di dare una mano per risollevare il nostro paese.

Forse è proprio questo quello che più dà fastidio a chi per anni ha vissuto sulle spalle dell’intera comunità cariatese e che invece da circa tre anni non riesce neanche a produrre una semplice Scia. I cittadini di Cariati da tempo si chiedono come è possibile che si sia prodotto un debito così ingente in dieci anni di amministrazione, nonostante non ne sia derivato per la comunità nessun vantaggio né in termini di servizi, né in termini di crescita e neppure in termini di immagine. Ma sicuramente un vantaggio per i soliti pochi.

L’attività svolta in diciotto mesi di amministrazione ha prodotto importanti risultati sul piano dei progetti già finanziati. Tra questi, quello di 250.000,00 euro per la strada rurale (altra strada rurale di 250.000,00 euro ammissibile a finanziamento); quello di 320.000,00 euro per l’efficientamento energetico; ancora, quello per la raccolta differenziata di 470.000,00 euro; per sede C.O.C (ammissibile a finanziamento) per 1.200.000,00 euro; quello per adeguamento sismico delle scuole di Molinello e di Cariati Superiore (ammissibile a finanziamento) per 2.100.000,00 euro; depuratore per 750.000,00 euro; studio di vulnerabilità sismica delle scuole di Cariati centro, Vittorio Emanuele e Molinello di oltre 50.000,00 euro.

Inoltre, sin dal primo giorno l’amministrazione Greco si è concentrata sul recupero di mutui per complessivi 1.600.000,00 euro le cui rate sono state pagate dal Comune di Cariati a partire dal 2010 senza mai riscuotere le somme erogande. Mutui, questi, che, salvo ulteriori complicazioni burocratiche, saranno presto spesi per la viabilità e per il recupero urbanistico della nostra cittadina.

Altre richieste di finanziamento sono state presentate, a testimonianza che l’amministrazione è vigile e monitora continuamente tutti i bandi che a qualsiasi livello vengono pubblicati.

Sappiamo bene che non tutte le richieste saranno finanziate. Infatti, anche altri Comuni vicini, pur avendo richiesto lo stesso finanziamento al Coni e pur essendosi avvalsi della consulenza di tecnici che hanno fatto la loro fortuna negli anni passati con il Comune di Cariati, non sono stati finanziati.

L’impegno dell’amministrazione Greco è quello di raccogliere il maggior numero di finanziamenti per consentire all’Ente di realizzare infrastrutture che facciano crescere il nostro territorio, e non finiremo mai d’incitare la Sindaca e la sua squadra ad andare avanti nel lavoro tracciato, senza dare ascolto alle varie “gazze del malaugurio” più volte sonoramente bocciate dall’elettorato cariatese, che ci ricordano un doloroso passato di cui nessuno sente la nostalgia.

Desideriamo inoltre ringraziare nuovamente il presidente del Coni Giovanni Malagò per l’accoglienza riservata al nostro Sindaco e all’allora delegato allo Sport Pino Greco. Lo ringraziamo soprattutto per aver accolto l’invito a venire a Cariati. Noi lo aspettiamo sempre con grande piacere.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta