LUCA NASO il 17 gennaio farà tappa a Cariati.

Il runner amatoriale, l’astrofisico siciliano Luca Naso, ha iniziato da Catania lo scorso 1 gennaio la sua corsa lungo i confini della penisola italiana.

Il suo era un sogno al quale pensava da un paio di anni e solo nel 2020 ha ritenuto di intraprendere la sfida reale.

Naso ha affermato di credere che la forza dei sogni che porta a impegnarsi per la loro realizzazione, ci renda persone migliori.

Inizialmente, la sua idea gli era sembrata troppo grande per diventare possibile, ma è cresciuta giorno dopo giorno fino a diventare un vero e proprio sogno.

La sua impresa “Correre ai confini” terminerà il prossimo 31 dicembre, realizzando 591 tappe in tutto il Paese.

Correrà per sei giorni a settimana, incontrando chiunque lungo il suo cammino. Tutti potranno contribuire con la loro generosità a rendere il viaggio un momento di condivisione.

Ogni giorno percorrerà 30 chilometri, suddivisi in due tappe.

Il tracciato complessivo è di oltre 8.800 chilometri, incluse le due isole maggiori, Sicilia e Sardegna, e una deviazione all’interno per toccare anche l’Umbria.

Durante tutto il percorso, Luca Naso si affiderà all’accoglienza di chi si imbatterà nella sua impresa per le necessità di vitto, alloggio, trasporto del bagaglio, attrezzatura, controlli medico-sanitari, definizione dettagliata del percorso e raccolta dati.

Dove possibile, verrà privilegiata la soluzione offerta da persone, professionisti e aziende delle zone vicine al percorso della corsa.

L’appuntamento con Cariati sarà per la prossima settimana venerdì 17 gennaio. Sul sito correreiconfini.it e sui principali social si potranno conoscere i maggiori dettagli del percorso complessivo e della tappa che riguarderà il nostro territorio.

Appassionati e runner amatoriali potranno fargli compagnia lungo il percorso che abbraccerà Cariati, unitamente ai Comuni confinanti, nonché commercianti e chiunque altro potranno farsi avanti per sostenere l’importante sfida.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta