L’Associazione E.R.A. invita al senso di responsabilità

L’augurio é quello che ci sia una ripartenza che coinvolga tutti

Siamo entrati in pieno nella fase 2 dell’emergenza sanitaria che impone ai cittadini un maggiore senso di responsabilità nei propri comportamenti, al fine del contenimento della pandemia. 

Ancora una volta l’Associazione civica E.R.A. gli Osservanti di Cariati” si mostrano particolarmente attenti e prossimi ai bisogni della cittadinanza, nonché disponibili a contribuire alla piena osservanza delle regole a tutela della salute pubblica. 

Si è tenuta alcuni giorni fa, presso la sede del centro sociale di Cariati, l’assemblea generale dei soci presieduta dal vertice Francesco Russo.

Un piacevole momento di confronto e di condivisione sui vari interventi realizzati nel corso degli ultimi mesi, in piena emergenza per il COVID-19.

In queste settimane di attività si è creato tra gli aderenti, la gran parte giovanissimi, un clima molto positivo di solidarietà e di condivisione, che di sicuro favorirà il raggiungimento di sempre nuovi e preziosi traguardi nell’interesse generale della comunità. 

Dall’inizio dell’emergenza c’è qualcosa che, come coronavirus, ha subito un vero cambiamento: il volontariato.

L’Associazione “E.R.A. gli osservanti di Cariati” ha saputo interpretare in modo lusinghiero il processo di cambiamento, riuscendo a suscitare e mobilitare l’intera società. 

Svolgendo, quindi, un ruolo attivo e propositivo nel panorama locale, mettendo altresì in piedi una rete sana di volontariato che ha contribuito alla soluzione di particolari criticità, che sono emerse con il trascorrere dei tristi giorni e durante la fase acuta della pandemia. 

L’augurio é quello che ci sia una ripartenza che coinvolga tutti con la consapevolezza che è una grande sfida per l’obbligata rimodulazione del sistema economico e sociale.

Nicola Campoli 

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta