Il primo Giugno prenderà il volo il progetto MoCRiS

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Il primo Giugno, meteo permettendo, prenderà il volo il progetto MoCRiS (Measurement of Cosmic Ray in Stratosphere).
Il progetto, guidato dal prof. Domenico Liguori, conclude un importante percorso di Alternanza Scuola – Lavoro per gli alunni della IV A del Liceo Scientifico di Cariati.
Il progetto MoCRiS riguarderà il lancio di un pallone aerostatico che porterà, fino alla quota stratosferica di circa 35 Km di altitudine, in quello che viene chiamato il vicino Spazio, una sonda con diversi esperimenti, e in particolare due rivelatori ArduSiPM per lo studio della variazione del flusso dei raggi cosmici in funzione della quota realizzato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, un raccoglitore di polvere spaziale e micro-meteoriti ed una colonia di tardigradi per lo studio degli effetti biologici dei raggi cosmici sui questi organismi, conosciuti per essere capaci di sopravvivere in condizioni estreme, insieme al carico scientifico, sono installati a bordo della sonda due fotocamere ad alta risoluzione per la ripresa di video e foto spettacolari della Calabria vista dallo Spazio.
Il lancio della sonda avverrà alle 10:30 del primo giugno dal Campo Sportivo di Paola (CS), le operazioni di trasferimento dei gas nel pallone e la preparazione della sonda inizieranno sul posto dalle ore 9:00 insieme ai tanti studiosi che prenderanno parte al progetto che rappresenteranno importanti enti con partner del progetto.
Collaborano a questo importante progetto i dott. Valerio Bocci e Francesco Iacoangeli dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) sede di Roma, l’ABProject ed il Parco Astronomico Lilio di Savelli con il Dott. Antonino Brosio e l’Ing. Antonella Tripodi, il dott. Nicola Mari ricercatore esperto di geologia planetaria dell’Università di Glasgow, i dott. Rocco Dominici e Paola Donato del dipartimento DiBEST dell’UNICAL di Cosenza.

Cariati, 18/05/2019

IL D.S. Franco MURANO

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta