Il portavoce M5s, Francesco Sapia, risponde al Sindaco di Cariati su Ispezione all’ex Ospedale “Vittorio Cosentino”

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

ASP DI COSENZA: STIAMO VALUTANDO COME CACCIARE ALLA SVELTA MAURO

«Il sindaco Filomena Greco sa bene che le ispezioni parlamentari, specie se nelle strutture sanitarie, non si annunciano anzitempo ma si svolgono A SORPRESA per verificarne le condizioni effettive».
 
Lo affermo nella mia replica al primo cittadino di Cariati (Cs) che mi aveva criticato assieme al collega deputato del MoVimento 5 Stelle, Francesco Forciniti, per la nostra recente visita all’ex ospedale del luogo avvenuta, A SUO DIRE, senza condividere l’iniziativa o gli esiti con il sindaco, principale autorità sanitaria locale.
 
Mi auguro che il sindaco voglia intervenire con il sottoscritto in merito alle carenze di organico nell’ex ospedale di Cariati, pretendendo risposte celeri e non elusive dal vertice dell’Asp di Cosenza, Raffaele Mauro, che ne è IL PRIMO RESPONSABILE. 
Se Greco vuole, a riguardo può agire anche di forza, cioè con apposita ordinanza sindacale.
 
Peraltro Mauro mi ha già certificato LA MANCATA APPLICAZIONE in tutta l’Asp delle norme sui turni e i riposi obbligatori del personale e oggi è stato riconfermato dal governatore Gerardo Mario Oliverio, malgrado i disavanzi di bilancio prodotti, la violazione di norme sul reclutamento nell’ambito del piano di rientro e la disinvolta prosecuzione di concorsi e assegnazione di incarichi di responsabilità. 
Per questi fatti, stiamo valutando COME CACCIARLO ALLA SVELTA.
 
Ricordo che con la collega Dalila Nesci abbiamo presentato una risoluzione per modificare i criteri di riparto del Fondo sanitario alle Regioni, in modo che la Calabria abbia almeno 130 milioni all’anno IN PIU’, anche per assumere nuovi medici, infermieri e Oss, posto che con i commissari al piano di rientro nominati dal governo Renzi il disavanzo è arrivato a 160milioni annui, con il grave rischio del blocco delle assunzioni e dell’aumento dei ticket.”
 
Francesco Sapia
 
Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta