IL LICEO DI CARIATI ALLA RICERCA DEI RAGGI COSMICI IN STRATOSFERA

È stato presentato con grande successo il progetto MoCRiS (Measurement of Cosmic Ray in Stratosphere) per l’alternanza scuola lavoro degli alunni della IV A del liceo scientifico di Cariati guidato dal prof. Domenico Liguori. Alla conferenza stampa sono intervenuti i rappresentanti della divulgazione locale e la dott.ssa Carla Monaco come inviata di RAI 3.

Il prof. Domenico Liguori ha spiegato l’articolazione del lavoro e come saranno coinvolti gli alunni soffermandosi sull’importanza della ricaduta didattica di questo progetto che offrirà l’opportunità di fare esperienza del metodo sperimentale utilizzando strumenti elettronici, tecnologie e software all’avanguardia nella fisica moderna nonché la possibilità di interfacciarsi direttamente con i ricercatori coinvolti.
Il dott. Antonino Brosio e la dott.ssa Antonella Tripodi, dell’ABProject, hanno illustrato l’aspetto tecnologico della costruzione e del lancio della sonda che avverrà agli inizi del prossimo mese di giugno soffermandosi sull’aspetto innovativo di questo tipo di esperimento. Insieme ai rivelatori di raggi cosmici, infatti, sarà prelevato in stratosfera un campione di polvere spaziale e micrometeoriti che verranno analizzati in un laboratorio dell’Università di Glasgow da parte del dott. Nicola Mari ricercatore esperto di geologia planetaria che ha partecipato alla giornata di studio in collegamento via Skype. Il dott. Valerio Bocci dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) di Roma, infine, ha tenuto una lezione sulla storia dei raggi cosmici e sui diversi esperimenti che se ne occupano, soffermandosi sulle applicazioni tecnologiche che ne derivano. Il dott. Bocci ha mostrato al pubblico i rivelatori sviluppati da lui stesso, nei laboratori dell’INFN, che saranno inviati nella stratosfera con il progetto MoCRiS rispondendo alle varie domande che gli sono state poste.
Il dirigente scolastico, prof. Franco Murano, in collegamento via skype ha ringraziato tutti i relatori ed i partecipanti sottolineando l’importanza di questi progetti la cui realizzazione costa sacrifici, ma mettono a disposizione della scuola e degli alunni innumerevoli possibilità di approfondimenti e divulgazione scientifica e culturale avvicinando gli alunni allo studio delle materie scientifiche attraverso il metodo sperimentale.

Domenico Liguori

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta