FIORELLA MANNOIA: UN NUOVO DISCO E (DI NUOVO) NUOVE IDEE

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Come si suol dire, solo gli imbecilli non cambiano mai idea. Si vede che la Signora Mannoia imbecille non è.

È anche vero che voltare la casacca secondo la direzione del vento è una specialità di tanti italiani e che l’’incoerenza, vizio pernicioso nei politici, è sovente virtù negli artisti. Lo è anche quando parlano di politica? Mah!

Fatto sta che Fiorella Mannoia, dopo la visita di Beppe Grillo a Palermo, ha rilasciato una dichiarazione con la quale prende le distanze, se non dal Movimento 5 stelle, sicuramente dal suo leader, che ha invitato a farsi da parte e del quale ha addirittura detto, riferendosi al lavoro che i suoi eletti fanno in Parlamento: «Ma purtroppo il grande lavoro di credibilità e contro le etichette che loro stanno portando avanti viene sistematicamente demolito dalle uscite di Beppe Grillo. Loro costruiscono per mesi e lui in dieci minuti distrugge».

Non ce ne voglia la Signora Mannoia se le facciamo notare che Beppe Grillo non è cambiato di una virgola dal giorno in cui ha fondato il suo Movimento (del quale peraltro è proprietario e gestore), e che dunque è legittimo nutrire qualche sospetto circa questa presa di distanza, che per giunta coincide con l’’uscita di un suo disco e col risultato elettorale di Reggio Calabria: libera espressione di pensiero, dunque, o marcia indietro con un occhio ai potenziali acquirenti del disco?

Il dubbio è legittimo, dato che la cantante ne ha anche per Matteo Renzi, che associa a Grillo nel definirlo un comico. Insomma, un maligno potrebbe pensare che si è ricordata del suo bacino tradizionale di ammiratori (e acquirenti di dischi e frequentatori di concerti) che, diversamente dai due leader che giudica così severamente, ha il cuore molto spostato a sinistra.

Intanto, forte è l’’amarezza tra i simpatizzanti del Movimento alcuni dei quali, dopo averla apprezzata quando si esprimeva in suo favore senza se e senza ma, ora già giocano col suo nome: “Fiorella”, dicono, “M’’annoia”.

Giuseppe Riccardo Festa

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta