Eugenio Vadalà di 28 anni, prima vittima della S.S.106 in Calabria nel 2016

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” con profondo dolore comunica l’ennesima vittima della “strada della morte”. Eugenio Vadalà di 28 anni, questo pomeriggio ha perso la vita in un tragico scontro avvenuto a Bocale, sulla Strada Statale 106, in provincia di Reggio Calabria. Due le auto coinvolte nell’impatto una Ford Focus e una Lancia Y. Tre persone ferite gravemente, una delle quali rimasta incastrata tra le lamiere dell’automobile e salvata dai Vigili del fuoco.

I feriti sono stati soccorsi dai sanitari del 118 e trasportati presso gli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria. La circolazione stradale al momento è bloccata. Sul posto le forze dell’ordine che la Nostra Associazione intende ringraziare: come sempre le prime ad intervenire e le ultime ad andare via. Ancora incerte le cause dell’incidente.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” nel ricordare che Eugenio è la prima vittima della S.S.106 nel 2016 non intende sottacere le responsabilità morali di quanto, ormai da decenni, avviene sulla famigerata e tristemente nota “strada della morte”. Affermiamo e ribadiamo che in Calabria esiste, nella completa indifferenza delle Istituzioni tutte, la più grande STRAGE DI STATO DELLA STORIA DELLA REPUBBLICA ITALIANA!

Rivendichiamo interventi urgenti ed improcrastinabili. Siamo convinti che serva una COMMISSIONE PARLAMENTARE che faccia chiarezza sulla strage da sempre presente sulla S.S.106! Siamo indignati per l’ennesima giovane vita spezzata e strappata agli affetti dei propri cari e degli amici. Pretendiamo azioni concrete ed immediate dalla politica che è totalmente incapace di difendere la vita dei cittadini tutelando il loro diritto alla mobilità.

La S.S.106 è la più grande vergogna della Calabria, è la più grande vergogna d’Italia, è la morte della società civile calabrese. La Nostra Associazione è inorridita dalla incapacità delle Istituzioni dello Stato di affrontare e risolvere questo problema.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” pertanto nel rilanciare l’invito a tutti gli onesti cittadini di Calabria a non partecipare alla vita democratica di uno Stato assassino che uccide i calabresi sulla “strada della morte” scegliendo il NON VOTO, esprime i più sinceri e sentiti sentimenti di vicinanza e cordoglio alla Famiglia Vadalà, ai parenti ed gli amici tutti per la perdita del caro Eugenio.

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta