Elezioni Cariati, Assunta Scorpiniti primo candidato sindaco a consegnare la lista

Assunta Scorpiniti è stata la prima a presentare, giovedì scorso, dopo aver svolto il giorno prima i relativi adempimenti burocratici, la sua candidatura a Sindaco di Cariati. Sono tre i gruppi che la sostengono e che hanno dato vita al Libero Comitato Cittadino  “Cariati Pulita”: il movimento giovanile “Le Lampare Basso Jonio Cosentino” e i due Meetup di ispirazione grillina “Amici di Bappe Grillo Cariati” e “Cariati in Movimento”. Ma la Scorpiniti è sostenuta anche da moltissimi cittadini “liberi” e desiderosi di rinnovare la classe politica che ha governato Cariati nell’ultimo decennio e di dare un taglio di discontinuità con un passato fallimentare, che ha portato la cittadina ionica da punto di riferimento del territorio ad essere depredata dei servizi essenziali e ad un degrado sociale ed economico senza precedenti storici.

La sua squadra è stata selezionata tra i tanti sostenitori di un progetto politico fondato sulla legalità, sulla giustizia sociale e sulle pratiche virtuose per una buona amministrazione.

Questi i nomi dei candidati: Claudio Carbone, Lidia Caruso, Concetta Cuparo, Giuseppe Didonna, Filomena Flotta, Domenico Formaro, Brigida Ripoli, Francesco Rispoli, Antonio Russo, Fortunato Russo, Damiano Scarpello, Vittorio Tosto.

Assunta Scorpiniti, a proposito dei suoi candidati, dichiara: “Li ringrazio tutti per essersi schierati al mio fianco e per aver condiviso con me un progetto politico serio, trasparente, stilato con il contributo degli stessi cittadini, che vuole intervenire sui reali bisogni della gente e riportare i cittadini all’interno della casa di tutti, il comune, rendendo questo paese più normale e vivibile. Nessuno di noi è portatore di interessi, come tutti sanno, siamo l’espressione della volontà appassionata e convinta di tanti giovani e di cittadini intenzionati a migliorare la qualità della vita nel nostro paese e continuare ad amarlo, avendone cura perché non continui a subire l’abbandono dei suoi figli”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta