Dove sta andando Cariati?

Conoscere le priorità su cui sta lavorando l’amministrazione Greco

Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Quale è il problema più urgente da risolvere a Cariati? Di fronte a una tale domanda i cariatesi avrebbero l’imbarazzo della scelta e, quindi, passo avanti.

La mia certo, e lo ammetto, è una sana provocazione. L’obiettivo è presto detto. Conoscere le priorità su cui sta lavorando l’amministrazione Greco. Però, non per titoli, ma per azioni concrete e continue.

Con la consapevolezza che si può vincere o perdere, l’importante è provarci e rendere partecipe la comunità.

Ritengo che il Sindaco e la sua Giunta farebbero bene a parlare ai cariatesi, evidenziando obiettivi e stati di avanzamento, giusto per offrire una speranza a che le cose si possano mettere per il meglio.

La fiducia – che può essere a tempo – potrebbe rilevare l’istintiva convinzione che si sta percorrendo la strada giusta. Il meccanismo potrebbe, nondimeno, rilevare il rifiuto della realtà.

Per queste ragioni il rischio che si corre è grande. La delusione è dietro all’angolo.

Perciò, ritengo che sia giunta l’ora che a Cariati siano messe sul tavolo le priorità sulle quali ci si vuole impegnare.

Cioè, individuare i valori della società cariatese – che non sono pochi – e metterli, con la dovuta gradualità, a sistema nell’interesse generale della comunità.

Non mi si dirà che le neo Consulte comunali puntano a tutto ciò. Lo dico in anticipo. Non credo bastino.

Perché in fondo le Consulte sono esclusivamente uno strumento di partecipazione dei cittadini.

Al contrario, urge capire in che direzione sta andando Cariati e con quali idee.

Voglio chiudere con un pensiero semplice.

Il mio pungolo all’amministrazione comunale in carica è un modo per aprire un confronto che porti a costruire “fatti concreti”, attorno ai quali favorire una partecipazione attiva dei cittadini.

Nicola Campoli

 

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta