Covid-19: Bergamo ringrazia Cariati

Scrivo un pensiero di gratitudine e fiducia

Scrivo un pensiero di gratitudine e fiducia. È accaduto un fatto, per me, inusuale e unico, ho conosciuto una famiglia vera. Persone che, in questi tempi, ti riconciliano con l’umanità, umanità concreta quella autentica, quella costruita su valori, su sentimenti. Scrivo due nomi Cataldo e Maria.

Questa coppia ha creato una situazione che mi rende orgogliosa di appartenere a questo popolo. Hanno mobilitato un intero paese, Cariati, lontano 1130 km da Bergamo per regalarci meravigliose giornate, sensazioni e serenità.

Ci hanno invitato da loro e altri cittadini di Cariati ci ospitano offrendoci un accoglienza e un affetto gentile e vero. E questo per ringraziare attraverso me e altri operatori sanitari Bergamo. Ci ringraziano per il nostro lavoro, e io sono imbarazzata e felice.

Abbiamo fatto solo il nostro lavoro, ma qui, a migliaia di la km di distanza, qui dove il mare è bellissimo hanno raccolto la nostra fatica, il nostro dolore e hanno deciso di “consolarci”, non è bellissimo tutto questo?
È umano, vero splendido esempio. E non importa il nome di chi è qui ora, importa il pensiero che ha mosso l’azione.

Che dire se non grazie Cataldo, grazie Maria e grazie Cariati dal cuore dal profondo dell’essere umano. Grazie per la speranza, grazie per tutto,

Cinzia Capelli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta