Cosenza: aggredito il Comandante dei Carabinieri da un suo collega maresciallo

Maresciallo convocato per trasferimento a Rossano Corigliano

Carabinieri

Una reazione violenta che si fatica a capire da che cosa sia stata effettivamente generata: è difficile dare una spiegazione a quanto accaduto all’interno dell’ufficio del comandante della Compagnia dei Carabinieri di Cosenza dove un sottufficiale, il maresciallo che comanda la Stazione di Carolei, Ivan Pucci, ieri sera ha chiuso a chiave la porta ed ha aggredito il suo superiore, il capitano Giuseppe Merola, procurandogli lesioni giudicate guaribili in 30 giorni. 

Pucci era stato convocato a Cosenza perché doveva essergli notificato l’ordine di trasferimento in un’altra caserma a Corigliano Rossano. 

Una decisione che ha scatenato in lui una furia selvaggia. Il sottufficiale prima ha chiuso a chiave la porta dell’ufficio, poi l’ha gettata dalla finestra per impedire che il suo superiore potesse scappare. 

Quindi è iniziata l’aggressione con calci e pugni. Per il maresciallo Pucci è scattato l’arresto in flagranza per lesioni e sequestro di persona per avere privato della libertà il suo superiore impedendogli di uscire dall’ufficio.

Dopo le formalità, Pucci è stato condotto agli arresti nella sua abitazione. Ed è qui che stamani ha ingerito alcune pillole, non è chiaro a che scopo, che ne hanno provocato l’immediato trasferimento in ospedale. 

Le sue condizioni, comunque, non destano preoccupazioni. Adesso saranno i suoi colleghi di Cosenza a dover chiarire il perché di tale violenza nei confronti del capitano Merola.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta