“COORDINAMENTO DONNE CARIATI” DONA MASCHERINE DI PROTEZIONE

LA SOLIDARIETÀ NELL’EMERGENZA, FARE RETE TRA LE ASSOCIAZIONI E COLLABORARE UNITI CON LE ISTITUZIONI

Cariati, lì 31 marzo 2020 – In questa situazione di grossa emergenza sanitaria in cui reperire DPI (dispositivi di protezione individuale), necessari oltre che per i privati cittadini, anche e soprattutto per gli operatori sanitari, le forze dell’ordine, i volontari che ogni giorno rischiano per compiere il loro dovere, l’Associazione “Coordinamento Donne Cariati” sta realizzando mascherine in stoffa idrorepellente, lavabili e riutilizzabili da dare gratuitamente.

La Presidente Maria Elena Ciccopiedi ha già provveduto nei giorni scorsi a donare una prima partita di mascherine ai Carabinieri, al Distretto Sanitario e alla Comunità Alloggio San Cataldo di Cariati. Nei prossimi giorni ne verranno consegnate altre anche per la Polizia Municipale e tutti volontari che collaborano con il Comune nel progetto “NOI CI SIAMO”. La stessa ringrazia le associate che stanno lavorando per la realizzazione delle mascherine, la merceria Fuoco che ha offerto della stoffa e tutti coloro che hanno contribuito, sottolineando l’importanza di essere solidali ed uniti per superare i momenti di difficoltà come questo ed invitando tutte le associazioni del Territorio a fare rete in questo momento più che mai, per venire incontro ai seri problemi derivanti dal distanziamento sociale che è vero è necessario perché ci protegge dal contagio, ma purtroppo è causa di solitudine, sofferenza e difficoltà economica.

E’ nostro dovere -dichiara la Ciccopiedi- come appartenenti alle associazioni di volontariato del territorio, sempre nel rispetto delle direttive governative in materia di sicurezza e contenimento del contagio, metterci a disposizione per dare un nostro contributo alle Istituzioni nella gestione delle problematiche sociali derivanti dall’emergenza Covid-19”.

Un gesto di solidarietà è spesso una goccia nel mare. Ma a forza di versare gocce, il mare si può anche riempire.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta