Consiglio Comunale di Cariati su problematica idrica: piena disponibilità al confronto, a patto che si rimuovano i conflitti di interesse.

Un consiglio comunale – quello di sabato scorso – in cui abbiamo proposto e discusso di una questione fondamentale per i cittadini di Cariati: la problematica idrica.
Con il solito approccio propositivo, abbiamo richiesto insieme al gruppo di Cariati Pulita di sottoporre al Consiglio comunale un documento di indirizzo politico da sottoporre agli uffici, fatto di proposte concrete,  per affrontare la problematica sia della CARENZA IDRICA che dei continui PROBLEMI DI TORBIDITÀ che si sono verificati quest’estate a Cariati, come e forse più che in passato.
A che ne dica il Sindaco, tentando maldestramente di giustificare l’incapacità di porre rimedio, anche solo temporaneamente, al problema, esponenti della maggioranza hanno dovuto ammettere di aver visto direttamente l’acqua torbida uscire dai rubinetti.
Tra questi, Il Consigliere Pasquale Marino ha posto l’attenzione anche sulla carenza idrica che ha riguardato la zona nord di Cariati dovuta alle perdite sulla tubazione dei pozzi di contrada Filiciusa.
Problematica su cui, noi della minoranza  abbiamo richiesto chiarezza, in quanto la stessa ha prodotto un contenzioso tra un congiunto dell’Assessore Ciccopiedi e lo stesso Comune.
Una situazione paradossale che manifesta un CONFLITTO DI INTERESSI dell’ASSESSORE CICCOPIEDI, che meriterebbe un’assunzione di responsabilità con la presentazione delle sue IMMEDIATE DIMISSIONI.
Non può essere tollerato – così come sta facendo la Sindaca da oltre un anno – che un assessore comunale sia coinvolto – così in prima persona – in un contenzioso in contrapposizione al gestore dei pozzi idrici e delle condutture che portano l’acqua a Cariati ed, allo stesso tempo, la stessa continui ad esercitare il ruolo di amministratore.

NON PUÒ ESSERE ACCETTATO CHE IL COMUNE DEBBA RICORRERE AD UN LEGALE PER TUTELARE I PROPRI INTERESSI a seguito di un ricorso di un congiunto dello stesso Assessore, mentre quest’ultima continua a “servirsi” dei medesimi Uffici Comunali interessati.

IL SINDACO DI CARIATI, con la sua MAGGIORANZA,  LA SMETTA DI ESSERE COMPLICE DI QUESTA TRISTE DIATRIBA e  ritiri le deleghe, per opportunità politica, all’Assessore Ciccopiedi!
In ordine alle proposte fatte dai gruppi di minoranza, registriamo l’apertura dall’intero consiglio, aldilà di qualche isolato sussulto d’ira di chi ormai, sentendosi accerchiato, preso da deliri di onnipotenza crede di poter offendere persino la dignità dei consiglieri, di maggioranza e di minoranza, con un intervento fuori luogo, arrogante, a tratti offensivo e presuntuoso.

CI AUGURIAMO che,  prima di eventuali futuri incontri sulla problematica, VENGA LIBERATO IL CAMPO DA POSSIBILI CONFLITTI PERSONALI e dall’atteggiamento BORIOSO di qualche TUTTOFARE, ritenuti ostacoli invalicabili per poter programmare serenamente le attività da compiersi.
In ultimo esprimiamo tutto il nostro dispiacere e rammarico per quanto accaduto in ordine alle riprese del Consiglio comunale effettuate dal sito Cariatinet: un “disguido tecnico” che  impedisce di fatto ai cittadini di ascoltare tutti gli interventi dei consiglieri. A tal proposito invitiamo il Presidente Cosentino ad adoperarsi affinché si possano trasmettere in diretta tutte le sedute, per dare ai cittadini la possibilità di partecipare alla vita politica del comune, rendendo efficace la proposta che – tempo addietro – abbiamo protocollato come Gruppo PD.

 

Partito Democratico Cariati

Gruppo Consiliare PD – Cariati

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta