Caro Sindaco Greco, vorrei fare un regalo a Cariati!

Dispongo di una piccola somma presso Guida Editori di poco meno di 1.500

Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Caro Sindaco,

rispetto alla volta precedente mi rivolgo a Lei personalmente, abusando dello spazio che mi concede cariatiNet.it, affinché rifletta sulla mia richiesta, unitamente alla giunta comunale che Le collabora e agli uffici comunali.

Come già anticipato ho rinunciato ai diritti d’autore dell’ultimo mio lavoro: “Al Cuore Non Rinuncio!” edito da Guida Editori, che ha registrato un discreto numero di acquirenti. 

Dispongo, quindi, di una piccola somma,  ne custodita dall’editore, di poco meno di 1.500. euro che avrei infinito piacere di donare alla comunità cariatese, perché si individuasse un bene e/o un’azione che resti e ritorni utile ad essa. 

La scorsa volta decisi di destinare un analogo importo all’acquisto di un defibrillatore che è stato allocato in piazza Cinquecento, laddove dovesse servire per un’emergenza di carattere sanitario. 

Furono a loro volta ben lieti gli amici e amiche commercianti di piazza Cinquecento a seguirmi nell’iniziativa, seguendo a loro volta un corso finalizzato al corretto utilizzo della strumentazione medicale. 

Riflettevo sul decoro urbano, cui tengo particolarmente, visto che le esigue risorse finanziarie dell’Amministrazione non permettono di operare con la dovuta attenzione. 

Se rendessimo più accogliente lo spazio antistante l’istituto comprensivo statale dove stazionano gli autobus, diretti verso le più note destinazioni? 

Un luogo che a mio parere rappresenta il biglietto da visita della nostra Cariati. Dove arrivano e partono, durante la bella stagione, migliaia di turisti. Lo spazio attualmente si mostra anonimo e poco accogliente. 

Più panchine, alcune foriere, qualche cestino porta rifiuti, una palina indicante l’area di parcheggio dei mezzi, unita alla sua definizione sulla sede stradale, cui si dovrebbe aggiungere un rifacimento di tratti del marciapiede. 

Certo il mio è un modesto contributo cui si dovrebbe associare dell’altro. Vediamo chi si aggrega.

Chiedo a Lei di finalizzare la somma, individuando altresì le corrette modalità per l’elargizione, per un fine che torni utile alla collettività. 

Sono pronto ad accogliere qualsiasi altra idea dovesse arrivare da Lei o da altri cittadini che ben venga volessero alimentare fattivamente il concorso di idee. 

Buon lavoro

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta