Caro Amico Oste . . .

Purtroppo ancora un abisso divide il nostro Paese e l’altra sera ne ho avuto ulteriormente conferma

Osteria
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Caro Amico Oste,
dedico a Te che ho incontrato casualmente l’altra sera, in uno dei tanti paesi del basso ionio cosentino, la riflessione che leggerai di seguito.

Sei un giovane promettente titolare di un locale accogliente e innovativo, che da cinque anni fonda la sua offerta culinaria sulla ricerca e combinazione di prodotti dal sapore e saperi locali.

Dedichi, e si vede, tanto tempo allo studio e riscoperta scrupolosa di antiche tradizioni del posto, che si stanno, ahimè, disperdendo e che Tu con una certosina pazienza provi instancabilmente a valorizzare e promozionare nel Tuo locale.

Una sfida difficile dove le diseconomie del contesto circostante rappresentano il forte limite al raggiungimento della soglia minima di sussistenza della Tua attività imprenditoriale.

Fare sistema è un traguardo complicato per la clientela cui Ti rivolgi e per quelli che sono i Tuoi fornitori. La rete culturalmente non è facile da capire e praticare.

Nelle Tue parole e nei Tuoi occhi ho scorto il “dolore” del possibile e forse imminente abbandono. Una sconfitta che pesa principalmente sull’umore. Un sogno che si infrange contro un muro tuttavia invalicabile.

Non mollare, mio Caro Oste. Non darTi ancora per vinto. Continua a credere e alimentare il Tuo entusiasmante sogno, cui non devi rinunciare per nessuna ragione al mondo.

Comprendo il disagio, come quello di tanti giovani che nel profondo Sud – dove ormai domina il triste fenomeno dello spopolamento – tentano iniziative imprenditoriali, ma non riescono a esprimere per vari motivi, non ad essi tutti imputabili, le loro svariate potenzialità.

Un capitale umano di cui dobbiamo essere molto orgogliosi, ma che come Paese non riusciamo, a onore del vero, a sostenere con le necessarie azioni.

Coraggio e forza Amico mio.

Spero che cambierai idea. Vorrei tanto che il sorriso con cui mi hai salutato l’altra sera – dimenticavo ho apprezzato molto i Tuoi straordinari piatti – non fosse solo di educata circostanza bensì vero e sincero, perché riuscirai a vincere la Tua “battaglia imprenditoriale”, che in fondo è anche quella del sottoscritto che crede tanto nello sviluppo economico, sociale e civico delle aree del Sud Italia ed in particolare questa dove trascorro lunghi periodi durante l’anno.

Purtroppo ancora un abisso divide il nostro Paese e l’altra sera ne ho avuto ulteriormente conferma da qualcuno, quanto Te, che si sporca quotidianamente le scarpe per non abbandonare il suo luogo natio e la felicità comune.

Un caro saluto e in bocca al lupo.

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta