CARIATI. Turista positivo all’esame sierologico COVID-19

Ieri pomeriggio un turista napoletano in vacanza a Cariati si è presentato al P.P.I. della cittadina ionica, con dolore al petto per accertare la natura del disturbo. Il paziente, visitato ed accertato che avesse un attacco cardiaco in atto, è stato trasferito in elisoccorso, nel reparto di cardiologia di uno degli ospedali di Catanzaro; qui effettuato il test sierologico al COVID-19 è risultato essere positivo. Il paziente in villeggiatura, non si trovava a cariati da solo, ma con altre 8 persone, tra le quali alcuni bambini.

Sappiamo bene che avere positivo il test sierologico, potrebbe significare aver avuto la malattia; intanto l’ASP di Cosenza ha immediatamente disposto la sanificazione dei locali del P.P.I. ed il riposo cautelativo del personale in  servizio.
I sanitari hanno poi contattato la struttura che ospitava i turisti per comunicare che questa mattina alle 7 sarebbero arrivati per effettuare i tamponi sui familiari del turista, ai quali era stato comunicato di non lasciare la stanza dove si trovavano ed evitare contatti con terze persone. Tamponi, però, che non sono stati effettuati perché parte della famiglia si è sottratta all’ordinanza di isolamento e all’esecuzione dei tamponi, lasciando le chiavi al portiere di notte e facendo rientro nella propria regione di appartenenza. I componenti più stretti, invece, hanno seguito il paziente a Catanzaro e a loro è stato effettuato il tampone.
Immediatamente è stata allertata la Prefettura di Cosenza, le forze dell’ordine e l’ASP di competenza. Inoltre, è stata avviata immediatamente l’indagine epidemiologica per ricostruire la possibile catena dei contagi.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta