CARIATI. Scrivo per non sentirmi connivente col complice silenzio di tanti cittadini onesti

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Lettera aperta anche per il Dott. De Nardo


Sono Maria Scigliano, cittadina di rientro a Cariati e che spera in un futuro migliore del mio paese.
Ho letto la lettera aperta del Dott. De Nardo, che ha puntualizzato una situazione gravissima che, in tutta coscienza, non immaginavo. La gravità dei contenuti della lettera fa sorgere un dubbio gravissimo: a Cariati regna una preoccupante trasversalità tra i diversi soggetti politici e sociali che, fino ad oggi, ha reso possibili stranezze che solo in questo comune si registrano. Sembra che un “demiurgo”, nascosto e malefico, consenta alcune cose sulle quali si è abbattuto un silenzio complice di tanti che avrebbero dovuto gridare e non lo hanno fatto ancora. Il Dott. De Nardo ha denunciato con chiarezza e competenza realtà gravissime di un paese che è dominato dall’assuefazione. Una sindaca inquisita da tempo e nulla si muove. Nessuno scrive e chiede ai responsabili della magistratura di assumere decisioni che evitino di nuocere a Cariati.
Decisioni che rimettano in attività l’amministrazione in attesa che l’iter giudiziario si concluda, o il coraggio di sciogliere il Consiglio Comunale, per evitare ulteriori danni ai cittadini. Personalmente voglio uscire dalla complicità silenziosa di tanti cittadini onesti che non meritano la caotica, inefficace e dannosa realtà gestionale del paese; il mio paese che vanta bellezze e storia invidiabile del passato, ridotto a un coacervo di incoscienti sostenitori di idee inesistenti, se non dannose, irresponsabili che hanno creato tutto ciò che il Dott. De Nardo ha denunciato. Avanti dott. De Nardo, esiste un organismo che lei conosce bene al quale recapitare la sua lettera perché si agisca dove qualcuno (demiurgo) riesce a filtrare e colorare la brutta realtà di Cariati. Non solo al giudice ordinario, ma alla Corte dei Conti, l’informativa puntuale di una realtà che non scomoda l’incoscienza di chi ha praticato tanti danni al paese e non capisce che può diventare perseguitato in prima persona, anche per la responsabilità di semplice consigliere comunale.
Sembra che a Cariati un filo di complicità trasversale lega passato e presente, nel gioco delle parti e nella ricerca di ricavare vantaggio elettorale incuranti del degrado che confina con il fallimento della nostra cittadina.
Coraggio, non possiamo diventare passivi e responsabili attori silenziosi di una madornale sconfitta della legalità e della trasparenza.
Rileggete ciò che il Dott. De Nardo ha scritto, coglietene la gravità per tutti i cittadini del rango di De Nardo (e lui stesso) si facciano latori della lettera aperta alla magistratura ed alla Corte dei Conti, nell’intento di frenare l’assurda irresponsabilità dei consiglieri Comunali e del Facente Funzione.
Quest’ultimo ed i suoi sostenitori, non hanno capito che pagheranno personalmente e pesantemente, una posizione palesemente dannosa per la Città di Cariati.
Ho scritto perché non voglio più sentirmi connivente col complice silenzio di tanti cittadini onesti.

Maria Scigliano

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta