CARIATI. RIAPERTURA OSPEDALE, SI CONSOLIDA FRONTE UNITARIO

PROFICUO INCONTRO AMMINISTRAZIONE-FORZE POLITICHE

NOTA STAMPA N.58 – FONTE: COMUNE DI CARIATI (CS) – 20.3.2020


COVID-19, SOLLECITATO PIANO DISTRETTUALE EMERGENZA

Cariati (Cs), Venerdì 20 Marzo 2020 – Covid-19/riapertura Ospedale, sollecitare preliminarmente il direttore del distretto sanitario ionio sud Antonello Graziano ad inserire l’ex Ospedale di Cariati nel piano di emergenza distrettuale da trasmettere all’Asp; interloquire, a partire da oggi, direttamente e più efficacemente con i rappresentanti del territorio in Consiglio e Giunta Regionale ed in Parlamento, proseguendo loro tramite ed attraverso la via istituzionale l’azione il più possibile unitaria per arrivare alla riapertura dell’Ospedale Vittorio Cosentino.

Sono, queste, le due prossime iniziative, che vedranno impegnata l’Amministrazione Comunale, discusse e condivise nell’incontro sull’emergenza sanitaria territoriale alla luce della pandemia in corso, svoltosi stamani (venerdì 20 marzo) a Palazzo di Città, alla presenza del movimento L’Alternativa e del Movimento Cinque Stelle.

In un clima sereno e di ampia condivisione sui metodi e sulle prospettive di azione unitaria più volte auspicate dall’Esecutivo è stata ribadita, relativamente all’implementazione del piano distrettuale d’emergenza, la disponibilità della struttura ospedaliera di Cariati.

In particolare, è stato chiarito che con l’obiettivo decongestionare l’Hub di Cosenza e lo Spoke di Corigliano-Rossano vengono messi a disposizione gli ambulatori e gli uffici ubicati nell’area in cui sarebbe dovuta essere realizzata la Casa della Salute per ospitare sia posti letto post acuti di pazienti Covid-19 sia di lungo degenza.

Vengono messi a disposizione inoltre sia l’attuale ambulatorio di cardiologia (strutture e personale) come reparto utile sia per day-hospital che per degenza ordinaria, ancora una volta in funzione decongestionante rispetto allo Spoke territoriale; sia l’ex reparto di chirurgia dove potrebbero essere allocati circa 20 posti letto per ulteriori lungo degenze.

Nel corso del confronto con le forze politiche, dimostratosi utile e proficuo, l’Amministrazione Comunale ha ribadito la natura dichiaratamente preliminare dell’incontro richiesto dall’ente e svoltosi nei giorni scorsi con il commissario straordinario Giuseppe Zuccatelli; incontro – stato sottolineato – logicamente e cronologicamente successivo alla richiesta formale già avanzata dal Sindaco facente funzioni al Presidente della Regione ed al Ministro della Sanità e finalizzato, così come poi accaduto, a far prendere atto della situazione complessiva attuale dell’Asp sulla base della quale formulare le necessarie proposte di implementazione del piano di emergenza regionale in atto. Un iter corretto e trasparente, sul quale è stata espressa massima condivisione.

Nell’esprimere, inoltre, apprezzamento per il contributo offerto dalle forze politiche che responsabilmente hanno inteso partecipare e confrontarsi sulla opportunità di un percorso unitario si precisa e sottolinea che da parte di altre forze politiche assenti all’incontro odierno nessun riscontro di nessun tipo è mai giunto rispetto all’invito loro destinato a mezzo posta elettronica certificata. L’Amministrazione Comunale coglie, infine, l’occasione per esprimere gratitudine per la disponibilità offerta nonché vicinanza e solidarietà alle dottoresse Giovanna Izzo e Maria Rosaria Bernardi, esperte in management sanitario e attente conoscitrici della situazione sanitaria locale, purtroppo destinatarie in questi giorni di attacchi violenti, volgari ed ingiustificati da parte di quanti, abituati da generazioni a trattare la sanità non come diritto da garantire ai cittadini ma come esercizio di potere da lottizzare, confermano una evidente insofferenza rispetto alla possibilità che sulla riapertura dell’Ospedale, su cui si è tutti d’accordo, si consolidi attraverso il coordinamento istituzionale un doveroso fronte unitario, senza colore politico.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta