CARIATI. MENSA SCOLASTICA, AL VIA LUNEDÌ 7 OTTOBRE

INVARIATE TARIFFE. È POSSIBILE RICHIEDE AGEVOLAZIONI. BUONI PASTO DISPONIBILI AL BAR LA RUOTA

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

COMUNICATO STAMPA  – FONTE: COMUNE DI CARIATI


CARIATI (Cs), Mercoledì 2 Ottobre 2019 – Prenderà il via Lunedì 7 Ottobre il servizio di refezione scolastica per l’anno 2019/2020. Invariate le tariffe suddivise per fasce di reddito. Esonerati i portatori di handicap. Sarà costituita una commissione per garantire la trasparenza e vigilare sul servizio.

È quanto fa sapere l’assessore alle politiche sociali Sergio Salvati ribadendo l’attenzione dell’Esecutivo Greco verso i temi sociali e sottolineando che, nonostante le difficoltà economiche, si è riusciti a mantenere inalterati i contributi.

È possibile ritirare il blocchetto dei buoni pasto da Lunedì a Venerdì, dalle ore 8 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 18, presso la ditta Todomela Sas al bar La Ruota di via G. Natale. Il costo per 15 buoni pasto è di euro 30. Le agevolazioni tariffarie si possono richiedere presentando i moduli appositamente predisposti e disponibili nell’area riservata ai servizi alla persona del Palazzo di Città, in Piazza R. Trento.

Contribuire a migliorare il servizio e verificarne la qualità attraverso alcune fasi di controllo. Sono, questi, gli obiettivi della Commissione Mensa che sarà composta da rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, insegnanti e genitori. Tutti i soggetti coinvolti svolgeranno una continua attività di proposizione, collaborazione ed educazione alimentare.

Con una delibera di Giunta sono state approvate le fasce di prezzo, suddivise in base al valore ISEE. Per chi ha un solo figlio e ha come fascia di reddito da 0 a 1.666,00 euro l’esenzione è del 66.66%. Da 1.666,00 euro fino a 3.333,33 euro l’esenzione è del 50%. Per la fascia che va da 3.333,34 a 5 mila euro l’esenzione è del 33,33%. Per chi ha due figli le esenzioni riguardano il figlio che necessita del maggior numero di buoni: chi rientra nella prima fascia l’esenzione è, i soggetti della seconda fascia saranno esentati del 66,66%, per la terza fascia l’esenzione è del 50%. La fascia di reddito che va da 5 mila a 7.500 euro l’esenzione è del 33.33%. Nella condizione di un portatore di handicap, l’esenzione è del 50% per l’altro figlio. Dal terzo figlio in poi e fino a 7.500 euro l’esenzione è del 50% per ogni figlio successivo al secondo.

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta