CARIATI. MALTRATTAMENTI ASILO, SINDACO INVITA A PREGARE

AMMINISTRAZIONE ESPRIME VICINANZA PICCOLE VITTIME. COMUNITÀ SIA UNITA NELLA REAZIONE MA SENZA ODI

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

 COMUNICATO STAMPA  – FONTE: COMUNE DI CARIATI


CARIATI (Cs), venerdì 15 novembre 2019 – Se c’è un sentimento autentico e silenzioso che, in questi momenti, sta unendo per davvero tutta la nostra comunità è quello del dispiacere, profondo, per quanto emerso dalle recenti inchieste giudiziarie sui maltrattamenti registrati in un asilo cittadino. Ad esso, tuttavia, si unisce un altro sentimento, forse ancora più diffuso del primo: quello dell’affetto e dell’amore che ognuno di noi vorrebbe far arrivare a tutti i bambini di quell’asilo vittime indifese ed innocenti.

 È quanto dichiara il Sindaco Filomena Greco esprimendo a nome suo personale e dell’Amministrazione Comunale tristezza e sdegno – aggiunge – per quelle immagini di violenza, ancor più grave perché destinata a bambini, che hanno purtroppo fatto il giro dei media nazionali e che di fatto ci hanno obbligato a sentirci in qualche modo tutti corresponsabili e chiamati a riflettere, a reagire ed a pregare. Per le vittime. Ma anche per quanti hanno sbagliato, nella consapevolezza – sottolinea la Greco – che dietro l’errore c’è sempre un errante.

Non serve a nessuno in nessun momento – prosegue il Primo Cittadino – e tanto meno quando si verificano questi momenti di oscuramento della ragione e del senso di umanità ricercare motivi, per quanto fondati e legittimi, per dividersi in buoni e cattivi. Evitare ogni forma di strumentalizzazione, ogni istinto di odio ed ogni voce scomposta, soprattutto in queste occasioni, non soltanto può servire a condividere riflessioni a bassa voce ma aiuta quanti hanno sofferto e stanno soffrendo, come le famiglie dei bambini coinvolti alle quali va tutta la nostra vicinanza, a superare amarezza, rabbia e dolore. L’imperativo di tutti – conclude la Greco – deve essere soltanto quello di contribuire, dal basso, a diffondere ed a rafforzare gli anticorpi socio-culturali necessari alla difesa, quotidiana, dei diritti di tutti, in modo particolare di quelli dell’infanzia.

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta