Cariati chiama: l’Europa risponde?

Bisogna sapersi agganciare al treno Europa

Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

È fondamentale per governare un piccolo Comune, quanto lo è Cariati, fare affidamento su un’ampia e qualificata rete di relazioni istituzionali.

Ancora di più per un Municipio in dissesto finanziario, senza risorse e con delle casse che propendono allo zero. 

Il prossimo 26 maggio saremmo chiamati come Paese a rinnovare la nostra rappresentanza in seno al Parlamento europeo.

Serve far comprendere l’importanza strategica dell’appuntamento a tutti gli elettori per due ordini di ragioni.

La prima è presto detta. Va rafforzata l’Unione Europea che certo non vive un momento facile e vanno di conseguenza alimentati e sostenuti i suoi ideali.

La seconda ha un valore più prossimo e importante per costruire il futuro di Cariati. 

Il nuovo ciclo di programmazione dei finanziamenti dei Fondi strutturali europei 2021/2027 destinerà alle aree interne una riserva del 5% che significa, per la prima volta, 1,5 miliardi ai piccoli Comuni ed alle zone con difficoltà di accesso ai servizi di base.

Il fatto che per il Fondo sullo sviluppo regionale il Parlamento europeo ha deciso di stanziare il 5% di risorse alle aree non-urbane, interne è un riconoscimento significativo alla strategia nazionale per le aree interne, messa in campo dall’Italia nel ciclo di programmazione in corso.

E allora? 

Bisogna sapersi agganciare come comunità al treno Europa. Avere idee e progetti. Un disegno chiaro della Cariati che ci immaginiamo al 2029.

Ecco quello che noi auspichiamo anche se abbiamo la consapevolezza che la sua realizzazione non si presenta molto facile. 

Si vedrà se questo accadrà. Certo per Cariati rappresenterebbe la vera svolta, non potendo essa contare su risorse proprie, se non si vorrà continuare a vivacchiare in un contesto che non si presenta oggi al meglio. 

Chi lavora affinché si alimenti un sentimento positivo nei confronti dell’Unione Europea da parte dei cittadini? Passaggio fondamentale per pensare al domani di Cariati. 

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta