Cariati: basterá?!

Cariati lo merita, anche se meriterebbe forse più rispetto

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Gentile Vice Sindaco avv.Francesco Cicciù,

a volte mi fermo a pensare che non vorrei mai essere al suo posto. Immagino le immani difficoltà e le complicanze con cui si imbatte quotidianamente. 

Condurre la gestione politica e amministrativa di un Comune, quanto Cariati – con un Sindaco sospeso per la seconda volta, e per giunta a pochi mesi di distanza – e una condizione di dissesto finanziario, certo non sarà una cosa delle più semplici.

Eppure tutti i giorni è chiamato al suo dovere istituzionale, provando per davvero o per finta a rispondere alle mille istanze dei cittadini e dei villeggianti. Il suo impegno e la sua buona volontà nella conduzione rigorosa della “cosa pubblica” Le fa tanto onore, come persona e come amministratore pubblico. Nulla da eccepire. 

Forse qualche volta negli ultimi mesi avrà pure pensato in famiglia di mollare tutto e di tornare al suo impegno professionale, che credo in parte ha dovuto rallentare. Ed, invece, in modo silente, cosa che Le appartiene come persona, tenta di dare un minimo di dignità a un territorio che meriterebbe tutt’altro.

Per esserle chiaro così Cariati non può andare avanti. Non ha prospettiva, manca un disegno. Un sogno in cui credere e suscitare l’entusiasmo della gente. Da troppo tempo di Cariati si parla solo ed esclusivamente in negativo. 

Personalmente non saprei cosa augurarLe. Anche perché più di quello che sta facendo non può materialmente fare e ammetto ne si potrebbe pretendere.

L’amministrazione Greco era nata, o meglio la prima consiliatura Greco, con obiettivi ben diversi e ambiziosi che si sono nel tempo sciolti come neve al sole. Non sta a me dire perché e come è successo. Oggi bisogna solo prendere consapevolezza della realtà che, per quanto mi riguarda, potrà solo migliorare in qualcosina, ma la vera svolta tanto auspicata non ci sarà.

Le confesso che sotto sotto sono orgoglioso del suo operato e della sua abnegazione, avrebbe fatto prima sicuramente a cedere il passo. Invece, le sta provando tutte pur di togliere un po’ di polvere alla nostra e cara Cariati, che avrebbe tanto bisogno – e sono sicuro che anche Lei concorderà con il sottoscritto – di un rilancio serio e duraturo. 

Fatto da una pianificazione di azioni a medio e lungo tempo che non spetta certo a Lei, che ha obbligatoriamente un orizzonte temporale limitato dalla normativa nazionale. Pertanto, oggi non si può che accontentarsi di quello che passa il convento.

Non so se sia giusto resistere, ma d’altronde Lei sta rispondendo a un mandato elettivo che Le è stato affidato da una buona parte di cariatesi, poco più di un anno fa. 

Spero di conoscerLa prossimamente di persona quando sarò a Cariati. Nel frattempo, provi a fare quello che può nelle sue possibilità.

Cariati lo merita, anche se meriterebbe forse più rispetto, ma questa è un’altra cosa su cui proverò a riflettere nei prossimi giorni, arrivando a delle conclusioni che probabilmente non piaceranno!!

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta