CALIGIURI: Calabria. La regione d’Europa, con il maggior tasso di disoccupazione giovanile.

E' giunto il momento che la Giunta Regionale definisca obiettivi e settori di sviluppo sui cui investire.

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Secondo i dati dell’Eurostat, la Calabria è la regione d’Europa, con il maggior tasso di disoccupazione giovanile, ovviamente più che accendere i riflettori, la notizia è passata in secondo piano, dall’attuale maggioranza di Governo regionale,  non ho letto un comunicato, una dichiarazione o una qualsiasi presa di posizione, neppure un semplice accenno di discussione, come se la cosa rappresentasse la normalità. In una terra che giorno dopo giorno, si svuota dai suoi figli, costretti ad emigrare per trovare lavoro altrove, nessuno dice nulla, tutto tace. Stavolta non basterà “Garanzia Giovani” o qualche sgravio legato alle assunzioni per far scendere momentaneamente la percentuale a risolvere il problema.

E’ giunto il momento che la Giunta Regionale, identifichi dei fattori di coesione, definendo gli obiettivi e i settori di sviluppo sui quali investire. Bisogna avviare un percorso chiaro, incentivando gli investimenti in settori chiave, a vocazione naturale, come il turismo e l’agricoltura. Incentivare la nascita di nuove imprese e, non mi riferisco nella maniera più totale a contributi a fondo perduto corredati da autofinanziamenti per l’avvio di nuove attività, questa politica nel tempo si è rivelata fallimentare.

Preferirei invece, ipotizzare la realizzazione di bandi, dove viene prestato anche l’intero capitale necessario, però corredato da sistemi fiscali e previdenziali, di reale vantaggio per le aziende che si andrebbero a creare, ed una restituzione del capitale a tasso zero ed in un medio periodo. Nell’indifferenza non possiamo più tergiversare, c’è in ballo il futuro dei giovani calabresi.

Maria Josè Caligiuri

Responsabile Regionale del Dipartimento Diritti Umani e Libertà Civili di Forza Italia in Calabria

Print Friendly, PDF & Email
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta