Calabria Altrove

copertina calabria altrove


L’emigrazione nel libro di Assunta Scorpiniti
LA CALABRIA VISTA ALTROVE
di Luigi Rossi (Storico)
Hagen (Germania), dicembre 2005


Esistono tante Calabrie lontano dalla Terra che si tende tra due mari. Di anno in anno, per chi ci vive lontano, essa diventa sempre più un luogo mitico. E’ possibile rintracciarne diverse anche nella Repubblica Federale Tedesca, in Francia, in Belgio, in Australia e nelle Americhe. Ognuna con le sue caratteristiche: dolori, successi e insuccessi, tradizioni e lingua. Storie, immagini, emozioni, sogni e ricordi. Anche rabbia. Attese e delusioni. E lutti. Come a Monongah nel dicembre 1907. Collegate l’una con l’altra da un sentimento ricco di sfaccettature e di memoria, quasi sospesa nel tempo.

Assunta Scorpiniti ha preso a cuore queste Calabrie. La scrittrice e giornalista, originaria di Cariati, è molto attenta al mondo dell’emigrazione calabrese. I risultati di questo suo amore sono testimoniati da diverse inchieste e servizi giornalistici. Come dai suoi ultimi due volumi: Cariati e la sua gente (2002, Editoriale Progetto 2000, ormai alla seconda edizione) e Calabria altrove. Storie, emozioni, sogni e ricordi di emigrati di tre generazioni (2005, Ed. Progetto 2000). L’ultima sua opera, originata da diversi viaggi all’estero e da un certosino lavoro di ricerca tra chi ha scelto il rimpatrio, ci presenta una Calabria viva e che non rinuncia a porsi domande cui spettano non facili risposte. Nelle storie che l’autrice ha scelto, si confrontano diverse generazioni, dov’è palpabile quella vita sospesa tra la terra d’origine e la terra d’adozione. Tra chi è tentato dall’integrazione e chi l’ha accettata. O chi ha scelto di rientrare ai luoghi natali dopo esperienze d’emigrazione.

Assunta Scorpiniti riporta sentimenti anche dolorosi, che la memoria sospinge in superficie. Incontra i giovani che si dibattono tra svantaggi e vantaggi dovuti all’integrazione o appartengono alla cultura di due Paesi, di quella pulsante realtà che è la nuova Europa. L’ultimo lavoro della giornalista cariatese è nato, in gran parte, durante i viaggi nelle comunità calabresi che l’autrice ha toccato, partecipando ai problemi e tradizioni colà trapiantate. Assunta Scorpiniti ne raccoglie le testimonianze, visive e sonore, e le rielabora in una forma narrativa che denota partecipazione e ricerca, spesso anche denuncia. Mentre le immagini proposte, dopo una scelta non facile, sono di grande qualità documentaria, quasi il fulcro per un futuro centro di documentazione.

La sua opera è da inserire in quella riscoperta della storia, drammi e successi del fenomeno migratorio, che negli ultimi dieci anni si riscontra in Italia. Se, in moltissimi casi, tale scoperta sembra legata allo sfruttamento del filone emigrazione, il lavoro di Assunta Scorpiniti è situabile nell’area della ricerca scrupolosa e partecipe, rilevabile in quella sua tensione alla presenza e al ruolo dei testimoni. Come nella coralità che distingue Calabria altrove.


SCHEDA BIBLIOGRAFICA:
Assunta Scorpiniti CALABRIA ALTROVE.
STORIE, EMOZIONI, SOGNI E RICORDI DI EMIGRATI DI TRE GENERAZIONI
Con prefazione di Vito Teti
Editoriale Progetto 2000
Pagine 288
Euro 12,00