Bravo Zingaretti: vediamo!?

Quello che mi piace è la voglia di organizzare il nuovo partito in ogni angolo del Paese

Nicola Zingaretti

Non ci sono per niente molte alternative per il Partito Democratico e il suo Segretario generale oggi è stato particolarmente chiaro sul tema nella sua lunga intervista a Repubblica. Ho apprezzato molto la chiarezza e l’onestà delle sue parole. È andato subito al sodo. Senza girare troppo intorno. Bravo nel contempo è stato Massimo Giannini che ha saputo pungolarlo rilanciando il tema, ponendo altresì dei paletti ben precisi sul da farsi. 

A interpretare le  parole del Segretario: il Partito Democratico si scioglierà e nascerà un nuovo soggetto politico più vasto e plurale, con l’obiettivo di includere la società civile, i movimenti, le sardine e tutte le forze democratiche, progressiste e ambientali. Magari cambiando anche simbolo e nome.

Quello che mi piace è la voglia di organizzare il nuovo partito in ogni angolo del Paese. Ciò significa un partito ricettivo e di prossimità al territorio. Vicino alla gente e pronto a dare risposte ai fabbisogni, diventando un punto di riferimento affidabile. Quindi, un unico corpo che dovrebbe tagliare in lungo e in largo la penisola, nessun Comune escluso. 

La sfida che Nicola Zingaretti ha lanciato non è certo facile e dovrà per forza mettere in discussione non solo il nome del partito, ma anche soprattutto i nomi delle persone. Insomma, dovrà realizzarsi per forza un azzeramento di tutti gli organi. Aprendo le porte del partito a tutti quelli che vorranno dare un contributo serio al rilancio del Paese. Quindi, non più correnti e capi bastone. Altrimenti è solo una finta e in quel caso chi ha girato nel frattempo le spalle al Partito Democratico, deciderà definitivamente di farlo scomparire dalla sua mente. 

Stiamo attenti alle false illusioni. Se bisognerà cavalcare il cambiamento, seppure difficile, non si ammetteranno giustificazioni. Voglio pensare che tutto accadrà, perché ci sono delle buone ragioni per farlo. A cominciare da un ambiente in passato poco accogliente per chi di conseguenza, volutamente, si è allontanato. C’è necessità di buona politica e il Partito Democratico non potrà non dare l’esempio. Stiamo attenti a non rischiare di condurre alla fine a un risultato opposto a quello desiderato.

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta