4 Milioni di lettori: Grazie! Grazie!

Nonostante i 4 milioni di lettori CariatiNet.it non dormirà sugli allori

Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

CariatiNet.it, il vostro giornale web, ha raggiunto un altro importante e prestigioso traguardo: sono 4 milioni di lettori dal 1 gennaio 2015.

Un risultato che ci riempie certamente di tanto orgoglio. 

E’ il giusto riconoscimento del lavoro prezioso e volontario che conduciamo da lungo tempo. 

Ringraziamo di cuore i nostri cari lettori che ci premiano ogni giorno con la loro squisita attenzione.

L’autorevolezza del nostro, del vostro quotidiano deriva dal nostro impegno, non privo di errori, ovviamente, ma compiuti sempre in buona fede. 

Ed è anche il frutto del contesto di libertà che assicuriamo a chi ci vuole regalare i propri contributi.

Non è facile, ma vi assicuriamo rappresenta l’unica strada che può dare senso al nostro appassionato lavoro e che può contribuire a rafforzare la dialettica democratica.

Noi siamo per pungolare con idee e proposte la nostra cara e amata Cariati, non stancandoci di alimentare una buona informazione.

CariatiNet.it resta e resterà sempre al fianco dei cariatesi, delle loro aspirazioni di buon governo e del sogno di vivere in un territorio che merita, senza dubbio, di più.

La sfida ci richiede di ragionare e di agire con maggiore senso di responsabilità nei confronti di chi ci offre la propria fiducia. 

Ancora una volta non dobbiamo far altro che ringraziare i nostri lettori, perché siano sempre più  numerosi e partecipi.

Infine, lavorare con entusiasmo ed umiltà non significa non avere ambizioni o progetti per il futuro.

Nonostante i 4 milioni di lettori CariatiNet.it non dormirà sugli allori.

L’obiettivo principale è andare ancora oltre: fidelizzare sempre più persone vicine, ma principalmente i tanti che ci seguono da lontano e che noi sentiamo vicinissimi. 

Buon sabato!

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta